Nino Cartabellotta, presidente della Fondazione Gimbe, nel corso di una diretta social con Mario Portanova e Andrea Tundo, ha trattato il tema della riapertura delle scuole: “Chiudere le scuole ha impatti sociali importanti sui nostri ragazzi, sono un fortissimo promotore della riapertura delle scuole – ha detto -. Dobbiamo però vedere se tutto questo sarà possibile. Il vero problema è che ci troviamo in una fase molto delicata dell’anno”. Poi, continua: “Le curve stanno scendendo lentamente in maniera irregolare, ma soprattutto l’indice Rt si è stabilizzato, questo è segno che gli effetti del Dpcm del 3 novembre si sono esauriti. Entro fine anno inizieremo a vedere un andamento delle curve verso l’alto”. Così Cartabellotta si chiede: “Allora come facciamo a presentarci all’appuntamento con la riapertura delle scuole, l’avvio della vaccinazione anti Covid e l’arrivo dell’influenza stagionale? Solo con la stretta di Natale che rappresenta la possibilità di provare ad abbassare la curva dei contagi, pur sapendo che i miracoli non si possono fare. Perché se arriviamo a metà gennaio con questi numeri è evidente che tutte le ipotesi, compresa la riapertura delle scuole, cominciano ad allontanarsi”.

Memoriale Coronavirus

Oggi in Edicola - Ricevi ogni mattina alle 7.00 le notizie e gli approfondimenti del giorno. Solo per gli abbonati.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Report Iss, Brusaferro: “Indice Rt risale a 0,86, grave preoccupazione. Bisogna essere tempestivi nell’adozione delle misure”

next
Articolo Successivo

Milano, in Centrale viaggiatori in partenza per il Sud ma niente ressa: “Non è una fuga, torniamo per salutare le nostre famiglie in sicurezza”

next