Le ricerche condotte con i cani molecolari hanno dato risultati: nella zona di Firenze tra il carcere e l’autostrada Fi-Pi-Li è stata trovata una quarta valigia contenente resti umani che si aggiunge alle altre tre rinvenute nei giorni scorsi: il trolley è stato portato all’Istituto di Medicina legale di Careggi e, secondo quanto si è appreso, conterrebbe verosimilmente la parte mancante dell’uomo, ovvero una gamba. Le parti del corpo dell’uomo sono state trovate in altre due valigie, mentre il busto di una donna è affiorato da una terza valigia.

Resta sempre più concreta l’ipotesi che i cadaveri appartengano alla coppia di albanesi sparita nel nulla nel novembre 2015. Dopo l’indizio del tatuaggio a forma di ancora rivenuto su un avambraccio, anche l’impronta digitale di un dito sembra combaciare con quella di Shpetim Pasho, dato per scomparso con la moglie Teuta. È il risultato di una prima comparazione della Sezione impronte del Ris di Roma dei carabinieri, secondo cui tutti i punti rilevabili sull’impronta di un dito di un mano corrispondono alle impronte dattiloscopische del 54enne.

Per arrivare all’identificazione del cadavere, e così compiere la svolta nelle indagini, è stato decisivo anche il tatuaggio, che l’uomo aveva sull’avambraccio, rimasto intatto grazie al processo di saponificazione: un’ancora unita al nome della città di Valona e le iniziali del nome, S.H.P., che per l’appunto corrispondono al nome dell’albanese scomparso. I lavori sul campo però non si fermano. Al momento, stando a quanto riferiscono gli inquirenti, mancano ancora all’appello alcune parti dei due corpi, in particolare non è stata trovata una gamba dell’uomo. L’ipotesi, quindi, ancora tutta da verificare con l’aiuto dei cani molecolari del nucleo carabinieri cinofili di Bologna, specializzati nella ricerca dei cadaveri, è che esistano altri trolley contenenti i resti umani.

“Per essere state ridotte in quelle condizioni due persone, allora doveva essere per un debito enorme. Ma enorme doveva essere proprio il criminale ad accumularlo. E mio fratello era uno spacciatore semplice. Punto e basta”. Così Dorina Pasho, figlia di Shpetim e Teuta Pasho, i genitori scomparsi i cui corpi sono stati ritrovati in valigie a Firenze, dopo aver appreso che il Ris dei carabinieri avrebbe identificato il padre dall’impronta digitale di un dito. “Da stamani sono dai carabinieri per il Dna e sto aspettando le risposte che mi dovranno dare, ma finora queste cose le ho sapute dai giornali – ha detto la donna, residente a Castelfiorentino (Firenze) – Se fosse stato un delitto per droga, non aspettavano mio padre e mia madre per ammazzarli, perché mio fratello ha abitato da me per anni. Avrebbero potuto uccidere me o i miei figli. Se vai a chiedere a Castelfiorentino sanno chi sono, ci vivo dal 2002, ho un nome di persona rispettabile“. Alla domanda se abbia notizie sul fratello Taulent, evaso dagli arresti domiciliari per droga nell’ottobre 2016 e da allora irreperibile, Dorina Pasho ha risposto che “questa è una cosa mia, la dirò agli inquirenti. Piuttosto, la procura sa che se le ricerche dell’Interpol (dei genitori, ndr) sono partite dall’Albania è per merito di mio fratello. Adesso sono dagli organismi competenti e dirò tutto a loro”.

Il Fatto di Domani - Ogni sera il punto della giornata con le notizie più importanti pubblicate sul Fatto.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Roma, moglie e marito trovati morti in casa. Disposta l’autopsia per accertare le cause

next
Articolo Successivo

Firenze, cadaveri nelle valigie: indagini sul figlio della coppia e quei “40-50mila euro scomparsi”. L’uomo è detenuto in Svizzera

next