Comincia a prendere forma la struttura manageriale (e politica) che si occuperà di realizzare i progetti previsti dal Recovery plan italiano dopo che arriverà il via libera alle risorse da parte dell’Ue. Il presidente del Consiglio Giuseppe Conte, riunito a Palazzo Chigi con i capi-delegazione di maggioranza, è al lavoro per definire i contorni dell’operazione: l’ipotesi è che a coordinare i lavori ci sia il Comitato interministeriale affari europei – lo stesso che finora si è occupato di definire i contorni del piano – coadiuvato da un organo politico composto dallo stesso premier, dal ministro dell’Economia Roberto Gualtieri e dal ministro dello Sviluppo economico Stefano Patuanelli. Le redini dei singoli progetti, però, sarebbero in mano a un comitato esecutivo composto da sei manager (anche se sul numero definitivo ancora non c’è una quadra).

Il team, oltre ad essere pienamente responsabile degli obiettivi del Recovery sia dal punto di vista dei tempi che della spesa (per l’Italia sono in arrivo 209 miliardi di euro), sarà dotato di poteri speciali. Un modo per evitare che la burocrazia rallenti i lavori e permetta a i manager di sostituirsi ai soggetti attuatori (enti, istituzioni, imprese), laddove necessario. La loro azione sarà inoltre supportata da una task force di 300 persone, mentre il ministro Enzo Amendola si occuperà dei rapporti con Bruxelles per aggiornare la Commissione sull’andamento dei lavori.

Una soluzione, quella a cui sta pensando la maggioranza, che punta a mettere d’accordo tutti: da un lato chi accusava il premier di volersi intestare la partita ed escludere i partiti dalla gestione delle risorse, dall’altro chi teme che una governance troppo larga rischi di creare rallentamenti e ritardi sulla tabella di marcia. Fonti di governo spiegano che l’intero assetto dovrà essere definito con una norma da inserire nella legge di bilancio. Per farlo, però, sarà necessario prendere una decisione definitiva e stilare l’emendamento prima dell’approvazione della manovra in commissione alla Camera.

Il Fatto Economico - Una selezione dei migliori articoli del Financial Times tradotti in italiano insieme al nostro inserto economico.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

In Gazzetta il decreto sul cashback: avvio forse l’8 dicembre (decide il Tesoro). Fino a 150 euro di rimborso per le spese di Natale

next
Articolo Successivo

Decreto Ristori quater, consiglio dei ministri domenica sera. Il nodo dei rinvii fiscali per le aziende delle Regioni che cambiano fascia

next