Quattro anni e quattro mesi di carcere ma anche la remissione in libertà “se non detenuto per altra causa”. È la sentenza che il gup di Salerno Vincenzo Pellegrino ha emesso oggi nei confronti del giudice, attualmente sospeso, della Corte d’Appello di Catanzaro Marco Petrini. Il magistrato, per il quale la Procura aveva chiesto 6 anni e 5 mesi di reclusione, è stato condannato anche a pagare 311mila euro al ministero della Giustizia a titolo di riparazione pecuniaria a cui dovrà aggiungersi anche il risarcimento danni da liquidare in favore dello stesso ministero e della Presidenza del Consiglio dei ministri.

Al termine del processo con il rito abbreviato, il gup ha ritenuto colpevoli anche Emilio Santoro detto Mario (3 anni e 2 mesi di carcere) e l’avvocato Francesco Saraco (1 anno e 8 mesi). Assieme ad altri indagati, il giudice Petrini era stato arrestato a gennaio dalla guardia di finanza per corruzione in atti giudiziari. Secondo l’accusa il magistrato ha accettato mazzette di soldi per aggiustare sentenze. Ma anche prestazioni sessuali da due avvocatesse e regali di valore minore come braccialetti e capi d’abbigliamento firmato.

L’indagine delle fiamme gialle ha riguardato anche Giuseppe Tursi Prato che ha scelto il rito ordinario. Si tratta dell’’ex consigliere regionale che nel 2017 ha presentato ricorso per riottenere il vitalizio, revocato dopo la condanna per concorso esterno con la ‘ndrangheta. Secondo i pm, per recuperare i privilegi che gli erano stati tolti dalla Regione nel 2008 quando la sua condanna a 6 anni di carcere divenne definitiva, Pino Tursi Prato si era rivolto a Emilio Santoro, detto “Mario”, un medico in pensione ed ex dirigente dell’Asp. Gli inquirenti descrivono quest’ultimo come il “motore” di un sistema consolidato per entrare in contatto con il magistrato Petrini. In altre parole è accusato di essere stato trait d’union fra i corruttori e Petrini. Con il giudice intratteneva “relazioni di intensa frequentazione e stretta confidenzialità”.

Stando all’impianto accusatorio, il giudice condannato “ha fatto mercimonio delle sue funzioni giudiziarie”. Non solo favorendo l’ex consigliere regionale Tursi Prato. Petrini avrebbe interferito anche in un processo di ‘ndrangheta alle cosche di Badolato e alla famiglia Saraco. L’aggravante mafiosa oggi è stata esclusa dal gup che però ha riconosciuto la colpevolezza di Petrini e dell’avvocato Francesco Saraco.

Il Fatto di Domani - Ogni sera il punto della giornata con le notizie più importanti pubblicate sul Fatto.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

“Evidente degrado e manutenzioni mai fatte su 9 viadotti”: indagati i vertici della Strada dei Parchi, sequestrati quasi 27 milioni di euro

next
Articolo Successivo

Processo Cucchi, i genitori in aula: “Davanti al suo corpo con le fratture abbiamo giurato che verità e giustizia sarebbero venute fuori”

next