La denuncia presentata dalla città di Amatrice contro il settimanale satirico Charlie Hebdo per le vignette pubblicate nel 2016 è stata giudicata “irricevibile” dal tribunale di Parigi che ha così deciso di archiviarla. Il comune laziale, il più colpito dal sisma il 24 agosto del 2016, aveva fatto causa al settimanale francese per diffamazione e offese dopo la pubblicazione di due vignette in cui si mostravano alcune vittime del terremoto insanguinate con la scritta “penne al pomodoro” e “penne gratinate”. Dopo la loro uscita, le polemiche in Italia avevano infiammato il dibattito e molte erano state le condanne anche da parte del mondo politico. Una dei due disegnatori delle vignette, Coco, aveva allora replicato con un disegno, il 2 settembre, in cui una donna schiacciata sotto le macerie dice agli italiani: “Non è Charlie Hebdo che costruisce le vostre case, è la mafia“.

Il processo per diffamazione si è aperto nella capitale francese il 9 ottobre di quest’anno. Nel 2016, fu l’avvocato Mario Cicchetti, in qualità di legale dello stesso Comune colpito dal sisma, a presentare la denuncia-querela per diffamazione aggravata. “Si tratta di un macabro, insensato e inconcepibile vilipendio delle vittime di un evento naturale”, spiegava al tempo Cicchetti . “La critica, anche nelle forme della satira, è un diritto inviolabile sia in Italia che in Francia, ma non tutto può essere ‘satira’ e in questo caso le due vignette offendono la memoria di tutte le vittime del sisma, le persone che sono sopravvissute e la città di Amatrice”. Secondo l’avvocato, infatti, per le vignette non poteva valere il “diritto di critica nella forma della satira”. Da parte sua, Charlie Hebdo si è sempre difeso invocando la libertà di espressione e di satira. Il direttore del settimanale, Riss, aveva commentato: “La morte è sempre un tabù, qualche volta bisogna anche trasgredirlo. Per noi è un disegno di humour nero come ne abbiamo sempre fatti, niente di particolare”.

Il Fatto Internazionale - Le notizie internazionali dalle principali capitali e il dossier di Mediapart

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

L’immunologo Fauci: “La velocità nel trovare il vaccino non compromette la sua sicurezza”

next
Articolo Successivo

Usa, giustiziato afroamericano: Amy Coney Barrett a favore della sua condanna a morte

next