Una vittoria più netta di quella che era stata pronosticata dopo il lungo testa a testa iniziale. Joe Biden è stato ufficialmente eletto presidente degli Stati Uniti ottenendo 306 grandi elettori, ben oltre i 270 necessari per diventare presidente, contro i 232 di Donald Trump. È questo il risultato finale delle elezioni americane emerso al termine della conta dei voti in North Carolina e Georgia, i due Stati rimasti fino ad ora in bilico, che la Cnn ha diffuso nelle ultime ore. Trump, come previsto, ha ottenuto la maggioranza dei voti in North Carolina, mentre Biden è riuscito nella rimonta in Georgia, dove era partito con un notevole distacco prima dell’apertura delle schede del voto anticipato.

I funzionari federali e statali hanno certificato di non aver trovato alcuna prova di frode nelle elezioni presidenziali, ma Donald Trump tira dritto per la sua strada e torna ad accusare i Democratici di brogli. “Elezioni truccate!”, ha ripetuto su Twitter sostenuto dai suoi fedelissimi: il consigliere per il commercio Peter Navarro dice che l’amministrazione Trump sta operando come se si avviasse a un secondo mandato, facendo eco alle parole del segretario di Stato Mike Pompeo e della portavoce della Casa Bianca, Kayleigh McEnany, che si è mostrata sicura del fatto che il tycoon rimarrà in carica per altri quattro anni.

Di conseguenza continueranno le manifestazioni organizzate dai suoi sostenitori, tra cui una domani a Washington a cui il presidente uscente potrebbe unirsi. “È commovente vedere l’enorme supporto là fuori, specialmente i raduni che stanno sorgendo in tutto il Paese, incluso quello di sabato a Washington”, ha scritto su Twitter (che ha segnalato il post), “potrei anche provare a fermarmi e salutare”.

Non solo le votazioni sono state regolari ma “le elezioni del 3 novembre sono state le più sicure nella storia americana”, hanno riferito la National Association of State Election Directors, la National Association of Secretaries of State e la Cybersecurity & Infrastructure Security Agency (Cisa), che si occupano del monitoraggio del voto.

Il Fatto di Domani - Ogni sera il punto della giornata con le notizie più importanti pubblicate sul Fatto.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

TRUMP POWER

di Furio Colombo 12€ Acquista
Articolo Precedente

Usa 2020, Trump non punta a vincere ma ad avvelenare le acque: così si prepara a tornare

next
Articolo Successivo

Elezioni Usa 2020, purtroppo per gli americani l’ecologia non conta molto

next