di Ilaria Muggianu Scano

Maria Beatrice Giovanardi è emiliana, dal 2014 vive a Londra dove si occupa di marketing e public relations. Protagonista indiscussa di una storica vittoria contro il colosso culturale della Oxford University. Secondo l’autorevole Oxford Dictionary, sovvenzionato da fondi governativi, al lemma “donna” (woman) corrispondono definizioni quali “la moglie, la fidanzata, l’amante di un uomo”. Nella relativa pagina online del vocabolario l’approccio sessista alla parola diviene recisamente più esplicito: “bitch, besom, piece, bit, mare, baggage, wench, petticoat, frail, dird, bint, biddy, filly” che estesamente coprono i significati dispregiativi di “puttana, cavalla, bagaglio, puledra, cagna”.

La manager italiana non ci sta: “Stavo cercando su vari dizionari sinonimi del termine donna per un progetto che sto per lanciare e mi sono accorta che, a differenza di altri testi, Oxford Dictionary avvicinava il sostantivo a sinonimi dispregiativi, che descrivono la donna come un peso, o come una poco di buono. Le loro definizioni sono concesse in licenza a Google, Yahoo e Bing, quindi chi fa una ricerca simile su questi motori di ricerca le trova e, magari, pensa sia corretto utilizzarle”.

Giovanardi, da anni impegnata nelle lotte a favore del riequilibrio di genere, intraprende da subito una battaglia che con lo strumento della petizione Change.org da semplice indignazione personale raggiunge oltre 34mila persone. La Oxford University decide di sostituire la definizione di donna ed espungere gli iniziali sinonimi sessisti, sebbene non tutti.

La negoziazione con la Oxford University Press è stata relativamente breve. Dopo un primo contatto nell’agosto 2019, momento in cui è ufficialmente partita la campagna di protesta, i primi risultati e l’aggiornamento sono arrivati a distanza di un anno, con dei confronti ad itinere. Una vittoria anche per la comunità Lgbtqia+: l’uomo è riconosciuto come marito di uomo o donna, una forma di rispetto e inclusione prima assenti dal programma della maggiore autorità linguistica anglofona.

Una battaglia coraggiosa che, seppure riscontra atteggiamento d’ascolto da parte delle autorità competenti, non risparmia a Maria Beatrice Giovanardi minacce e dure offese sul piano sessista e minacce di stupro; ma di fatto la titanica battaglia è una indiscussa vittoria di civiltà che Giovanardi intende traslare presto anche in terra italica.

Il blog Sostenitore ospita i post scritti dai lettori che hanno deciso di contribuire alla crescita de ilfattoquotidiano.it, sottoscrivendo l’abbonamento Sostenitore e diventando membri del Fatto social club. Tra i post inviati Peter Gomez e la redazione selezioneranno quelli ritenuti più interessanti. Questo blog nasce da un’idea dei lettori, continuate a renderlo il vostro spazio. Se vuoi partecipare sottoscrivi un abbonamento volontario. Potrai così anche seguire in diretta streaming la riunione di redazione, mandandoci in tempo reale suggerimenti, notizie e idee, sceglierai le inchieste che verranno realizzate dai nostri giornalisti e avrai accesso all’intero archivio cartaceo.

Che c'è di Bello - Una guida sulle esperienze più interessanti, i trend da seguire e gli eventi da non perdere.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

In Italia un bambino su dieci è obeso: è dato tra i peggiori in Europa. “Non siamo più il Paese della dieta mediterranea”

next
Articolo Successivo

Coronavirus, da statale sono pronto a devolvere parte del mio stipendio alle categorie più colpite

next