La moglie di Marco Carrai è indagata dalla procura di Firenze. L’ipotesi di reato avanzata nei confronti di Francesca Campana Comparini è riciclaggio. A riportare la notizia è il Corriere Fiorentino. I pm contestano alla donna l’accusa di riciclaggio di denaro in concorso col marito, già finito sul registro degli indagati a Firenze nell’ambito dell’inchiesta sulla fondazione Open. Sulla vicenda la procura, interpellata, mantiene il riserbo.

Le indagini, riferisce il quotidiano, sono partite dopo che nel corso di un controllo all’aeroporto di Firenze sono stati trovati 160mila euro in contanti a una passeggera originaria del Togo in arrivo nel capoluogo toscano. Secondo il aggiunto Luca Turco e del pm Antonino Nastasi parte di quel denaro era stato destinato alla moglie di Carrai, per il pagamento dell’affitto di un appartamento di sua proprietà nel centro del capoluogo toscano. Secondo l’accusa, però, il contratto di locazione dell’abitazione è da considerarsi fittizio: sarebbe servito per far arrivare il denaro dal Togo in Italia. Nell’ambito degli accertamenti per ricostruire i movimenti del denaro, nei giorni scorsi su richiesta della procura è stato sequestrato a Carrai un supporto informatico.

Anche la metà dei soldi è finita sotto sequestro in base alla normativa in materia valutaria (che prevede il sequestro e l’applicazione di una sanzione amministrativa che può arrivare al 50 per cento della somma eccedente il limite di 10 mila euro). La Procura sta adesso cercando di ricostruire il movimento di quel denaro, per capire a chi appartenesse e se ci siano collegamenti con alcuni personaggi dell’inchiesta Open. La difesa di Carrai, riferisce sempre il Corriere Fiorentino, sostiene che sia tutto lecito, dal momento che sarebbe stato lo stesso Carrai a chiedere informazioni su come fare arrivare quel denaro dal Togo senza incorrere in sanzioni.

Il Fatto di Domani - Ogni sera il punto della giornata con le notizie più importanti pubblicate sul Fatto.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Mostro di Firenze, archiviate le indagini sugli ultimi indagati: il gip rigetta l’istanza di opposizione fatta dalla famiglia delle vittime

next
Articolo Successivo

Anziani risultano tra i votanti ma non sono mai andati alle urne: presunte irregolarità alle comunali a Reggio Calabria. Indaga la procura

next