In una rapina con sparatoria una carabiniera è rimasta ferita. È successo stamani, a Fonni, dentro un ufficio postale del nuorese, dove alcuni malviventi hanno concluso una rapina, dopo aver atteso l’arrivo del direttore e dei dipendenti. Dentro l’ufficio non erano presenti clienti. Ma quando i rapinatori sono usciti hanno trovato una pattuglia di carabinieri, impegnati in un giro perlustrativo, e così hanno sparato alcuni colpi di arma da fuoco colpendo l’auto dei militari sulla fiancata sinistra. Uno dei proiettili ha però colpito anche la carabiniera, che era al posto di guida, ferendola al polpaccio destro. Mentre il secondo militare, che si trovava al posto del passeggero, è rimasto illeso. La carabiniera di 25 anni, è stata soccorsa dal personale sanitario del 118 e trasportata in ospedale a Nuoro con eliambulanza. Al momento non è in pericolo di vita e sono in corso verifiche per capire quanto contante sia stato asportato dall’ufficio. I rapinatori, subito dopo avere sparato, sono fuggiti a bordo di un’auto di proprietà di un dipendente dell’ufficio postale, rinvenuta poco dopo in aperta campagna a qualche chilometro dal paese. Sono stati immediatamente predisposti posti di blocco in tutta la zona. Mentre i carabinieri del reparto operativo e della compagnia di Nuoro stanno continuando le ricerche.

(immagine d’archivio)

Oggi in Edicola - Ricevi ogni mattina alle 7.00 le notizie e gli approfondimenti del giorno. Solo per gli abbonati.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Evvai con l’isolamento dei vecchi! Da candidato alla segregazione, non mi sento tanto bene…

next
Articolo Successivo

A Taranto il comizio del medico negazionista sul palco dei commercianti. Che ora dicono: “Abbiamo fatto una cazzata a invitarlo”

next