Appuntamento alle 18.30 in videoconferenza. Tema: Covid. I leader Ue, come già anticipato nei giorni scorsi, si riuniscono virtualmente per capire come evitare un terzo lockdown causa pandemia, visto che il secondo – con misure più o meno stringenti – è già in atto in alcuni Paesi, Francia e Germania incluse. Fonti diplomatiche a poche ore dal vertice spiegano che tra un mese o due, quando i contagi si ridurranno, ci siano coordinamento, strategie e cornici comuni per affrontare la situazione fino al momento del vaccino. Quanto alla possibilità che dalla riunione emerga un coordinamento europeo sul lockdown, le stesse fonti la ritengono improbabile, anche se alcuni Paesi potrebbero sollevare il tema.

In termini concreti, dalla videoconferenza dei leader Ue sul Covid si attende uno “slancio politico” per raggiungere un quadro comune sui test rapidi con un riconoscimento e un’omologazione comune; un maggiore coordinamento per l’assistenza reciproca tra Stati membri, anche con trasferimenti di pazienti nel caso un Paese si trovi col proprio sistema di terapia intensiva saturo; e la volontà di mettere a punto una strategia a 27 sui vaccini. Da parte sua, la Commissione europea ha messo sul tavolo varie comunicazioni per far fronte alla pandemia, ma ora occorre concentrare gli sforzi e decidere chi fa cosa, come, e quando. Una richiesta emersa peraltro anche ieri dalla riunione degli ambasciatori dei 27.

Memoriale Coronavirus

Il Fatto Economico - Una selezione dei migliori articoli del Financial Times tradotti in italiano insieme al nostro inserto economico.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Bruxelles consiglia ma non impone l’introduzione di un salario minimo. La Germania lo alza a 10,4 euro l’ora per battere la crisi

next
Articolo Successivo

Bce, rinviata a dicembre la decisione su nuovi interventi anti crisi. Lagarde: “Con impennata dei contagi indebolimento dell’economia”

next