Spreca, va sotto, non si scompone, rimonta. Alla fine è un buon pareggio quello conquistato dall’Atalanta in casa contro l’Ajax. Per almeno due motivi: perché tiene a distanza di sicurezza i lancieri nel Gruppo D e perché arrivato dopo una prova di grande carattere. Certo, per capire quanto peserà il punto di ieri bisognerà vedere quanto i nerazzurri di Gasperini riusciranno a portar via dalla doppia sfida con il Liverpool. Insomma: serve un’impresa, ma la Dea ha le carte per farla. Fatto sta che dopo il 4-0 all’esordio in Champions contro il Midtjylland in Danimarca, l’Atalanta ha rischiato seriamente il ko. A salvarla – almeno nei numeri – è stata la doppietta di Duvan Zapata nella ripresa dopo il doppio vantaggio realizzato nel primo tempo dagli olandesi con Tadic su rigore e Traoré. Nell’altra sfida del Gruppo D il Liverpool ha battuto 2-0 il Midtjylland. In classifica i ‘reds’ salgono a 6 punti, a 4 l’Atalanta, a 1 l’Ajax, ancora a zero il Midtjylland.

La partita è entrata subito nel vivo, al 3′ conclusione per gli ospiti con Antony ma Sportiello ha evitato il peggio. Ancora Ajax, tiro al volo di Mazraoui da fuori area, palla di poco sopra la traversa. Al 14′ Papu Gomez per vie centrali, tiro e salvataggio del portiere. Poco dopo Djimsiti per Ilicic, per lo sloveno rigore in movimento ma tiro alto. Verticalizzazione per la Dea, da Zapata tiro a incrociare: fuori. Al 26′ rasoterra velenoso di Tadic, bene Sportiello. Un minuto più tardi ingenuità di Gosens: rigore, perfetta la realizzazione di Tadic. Al 38′ raddoppio dell’Ajax: su un cross basso di Neres, infortunio di Sportiello, per Traoré tutto facile. Reazione immediata dell’11 di Gasperini: Djimsiti di testa, gran parata di Onana ci arriva, bravo poco dopo anche su Zapata e a inizio ripresa sul missile di Ilicic su punizione dal limite. Al 53′ ecco Zapata: cross di Gomez, colpo di testa perfetto del colombiano. Il pareggio dopo sette minuti, con il diagonale potente del colombiano imprendibile per Onana. Atalanta in pressione, al 67′ percussione di Pasalic sulla destra, tiro da posizione defilata, respinta di Onana. Al 76′ velenoso tiro sul secondo palo di Antony, capolavoro di Sportiello. Fuori Gomez per Muriel e Ilicic per Malinovskyi, il cui tiro in curva dal limite è stata l’ultima occasione di una partita vibrante.

Il Fatto di Domani - Ogni sera il punto della giornata con le notizie più importanti pubblicate sul Fatto.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Atalanta – Ajax 2 a 2, Gasperini dopo il pareggio in rimonta: “Questo risultato è per il pubblico di Bergamo che non può essere allo stadio”

next