Il 25 aprile, che l’Italia festeggiò chiusa in casa, espresse un auspicio: “L’importante è che, anche da una tragica vicenda come questa, impariamo a migliorarci, come persone, come comunità e come nazioni. La democrazia non è una conquista certa per sempre, va coltivata e devono esserne sostenuti i principi, giorno dopo giorno, non solo negli enunciati ma anche e soprattutto nei comportamenti e nel rispetto di quei valori che ci hanno consentito di conquistarla 75 anni fa”. Germano Nicolini, al Dievel, il Diavolo, comandante partigiano, quella democrazia ce l’ha consegnata durante la Resistenza: ieri sera, a quasi 101 anni, è morto a Correggio, in provincia di Reggio Emilia. Si unì alla lotta partigiana dopo essere stato catturato a Roma dai nazisti: fuggì dalla prigionia ed entrò nel battaglione Sap della brigata Fratelli Manfredi. Perché Diavolo? Per una fuga spettacolare dai tedeschi: “Ero in bicicletta, disarmato, in una zona che credevo sicura. I tedeschi sbucarono da un argine. Mi buttai giù e corsi zigzagando tra gli alberi, mentre quelli sparavano all’impazzata. Da una finestra due sorelle, nostre staffette, esclamarono: L’è propria al dievel“.

Nel Dopoguerra divenne sindaco di Correggio – Comune che aveva liberato – ma venne arrestato nel 1947, accusato dell’omicidio di un prete, don Umberto Pessina, e quindi condannato a 22 anni. Ne scontò 10 da innocente e solo grazie a un indulto. Solo nel 1994 emerse chi era il vero assassino: William Gaiti (che oggi è morto) il quale confessò dopo che la lettera al Resto del Carlino “Chi sa parli” del comandante partigiano ed ex deputato Otello Montanari aprì uno squarcio sul cosiddetto “Triangolo della morte”, dove numerosi uomini di chiesa vennero uccisi da partigiani comunisti. Così Diavolo e altri due partigiani, Antonio Prodi, detto Negus, ed Ello Ferretti, Fanfulla, furono scagionati e infine assolti nel processo di revisione celebrato a Perugia. Gli chiesero cosa pensava dei vertici del Pci che sapevano chi era il vero autore del delitto: “Perdonarli? Non si può usare la parola perdono. Ero un bersaglio facile, un giovane sindaco di paese. Hanno colpito me perché si faticava ad accettare che si parlasse di riconciliazione“.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: se credi nelle nostre battaglie, combatti con noi!

Sostenere ilfattoquotidiano.it vuol dire due cose: permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, gratuito per tutti. Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte per portare avanti insieme le battaglie in cui crediamo con idee, testimonianze e partecipazione. Il tuo contributo è fondamentale. Sostieni ora

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Covid, ambulanze usate come camere di isolamento. “Se fanno altro invece delle emergenze non ci sono per i soccorsi”

next
Articolo Successivo

“Se numeri continuano a crescere non reggeremo. Chi nega venga qui a vedere cosa succede”. L’appello del medico di Varese

next