Lo spagnolo Rins conquista il Gp di Aragon vincendo la sua prima gara dell’anno. Secondo posto e secondo podio consecutivo per il connazionale Alex Marquez, nel gradino più basso l’altra Suzuki dello spagnolo Joan Mir. In difficoltà il francese Quartararo che finisce la gara a zero punti e perde la testa del mondiale. L’italiano Dovizioso su Ducati è settimo e ancora in corsa per il titolo: è infatti quarto a 15 punti dal primo. Appena finita la decima gara della stagione, così il vincitore Alex Rins ai microfoni: “Sono felicissimo e ringrazio la mia squadra. Quando ero dietro a Vinales mi sono detto, è qui che bisogna fare un po’ qualcosa in più”, ma ammette: “Ho avuto un po’ di problemi alla gomma e li ho dovuti gestire”. La ventitré giri di Aragon, per un totale di 116.8 chilometri da percorrere, ha messo a dura prova anche il nuovo leader del mondiale Joan Mir, che nella gara di Aragon è arrivato terzo: “Non sono contento della gara di oggi, ho avuto qualche problema sull’avantreno, non sono riuscito a dare quel qualcosa in più in termini di passo. Comunque son riuscito ad arrivare sul podio”. Mentre l’italiano Dovizioso

La classifica del mondiale:

1. Joan Mir 121 punti;
2. Fabio Quartararo 115;
3. Maverick Viñales 109;
4. Andrea Dovizioso 106;
5. Takaaki Nakagami 92;
6. Franco Morbidelli 87;
7. Alex Rins 85

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te

In questi tempi difficili e straordinari, è fondamentale garantire un'informazione di qualità. Per noi de ilfattoquotidiano.it gli unici padroni sono i lettori. A differenza di altri, vogliamo offrire un giornalismo aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per permetterci di farlo. Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

MotoGp Aragon, Rins su Suzuki vince il suo primo gp. Dovizioso ancora in corsa per il titolo

next
Articolo Successivo

MotoGp Teruel, riecco la Honda: il giapponese Nakagami firma la pole. Delusione Ducati

next