“Non scenderemo mai a compromessi, perché nel momento in cui perdiamo il diritto di essere diversi perdiamo il privilegio di essere liberi”. Torino scende in piazza per i diritti Lgbt. In piazza Castello, infatti, si è tenuta una manifestazione a favore del ddl Zan. “Questa legge ci piace così com’è, infatti il nostro slogan è ‘Non un passo indietro’, perché non deve subire modifiche al ribasso sulla nostra pelle, siamo rimasti scottati nel 2016 con la legge Cirinnà sulle unioni civili – spiega Giziana Vetrano, coordinatrice Torino Pride – non siamo soddisfatti del governo, la legge è tardiva perché la aspettiamo da 25 anni, diciamo che questo governo fa di più quello di quello gialloverde, ma bisognerebbe fare di più senza tante ideologie”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Stefano Cucchi era un detenuto senza diritti ed è morto ammazzato: ora si garantiscano cure adeguate ai carcerati

next