“Se non ci sono altri problemi è credibile che entro la fine di novembre ci sia la validazione del candidato vaccino attuale e che entro l’anno possano arrivare le prime dosi. La produzione a rischio è già iniziata da qualche mese, per cui saranno pronte per l’Europa entro l’anno 15 milioni di dosi e per l’Italia i primi 3 milioni“. Così Piero Di Lorenzo, presidente della Irbm spa di Pomezia che insieme all’Università di Oxford ha messo a punto e ideato il primo candidato vaccino anti-Covid prodotto e commercializzato da AstraZeneca. “Sarà la Commissione Ue a dividere le dosi, l’Italia ne ha prenotate 70 milioni entro giugno ma saranno progressivamente prodotti e consegnati. Man mano verrano destinati dal governo alle categorie a rischio: dopo personale sanitario, militari e anziani delle Rsa penso alla scuola. Poi arriveranno in farmacia, magari in primavera”, spiega.

Memoriale Coronavirus

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Vaccino anti Covid, Di Lorenzo (Irbm): “Se non ci saranno intoppi 3 milioni di dosi per Natale”

next