Steven Kruijswijk e Michael Matthews positivi al Covid-19. Il Giro d’Italia perde altri due grandi protagonisti per via della pandemia, dopo che già Simon Yates aveva dovuto lasciare la corsa. La Corsa Rosa perde pezzi: proprio la squadra dell’inglese, la Mitchelton-Scott, ha deciso in accordo con Rcs Sport di abbandonare il Giro dopo che anche quattro membri dello staff tecnico sono risultati positivi. Subito dopo anche la Jumbo-Visma, il team di Kruijswijk, ha annunciato che “non prenderà il via nella decima tappa odierna”. Tra l’11 e il 12 ottobre sono stati effettuati 571 tamponi nella “bolla” della Corsa Rosa, come prevede il protocollo sanitario. Dopo un giorno, sono arrivati i risultati: due corridori e sei membri dello staff sono risultati positivi al Covid-19. Oltre ai 4 della Mitchelton, uno del Team Ag2r-LaMondiale e uno del Team Ineos Grenadiers.

Il Giro d’Italia perde quindi uno dei possibili candidati alla vittoria finale: Kruijswijk, con per giunta tutta la sua squadra. L’olandese era uno dei corridori più forti in gara e al momento aveva un ritardo di un minuto e 24 secondi dalla maglia rosa. L’altro escluso, ancora un nome eccellente, è lo sprinter australiano Matthews, corridore del team Sunweb, che nel 2015 indossò anche la maglia rosa. È asintomatico e in buona salute ed è stato immediatamente posto in quarantena. La squadra per il momento ha deciso di proseguire la corsa.

Dopo il ritiro di Yates, che sabato 10 ottobre è risultato anche lui positivo al Covid, e dopo gli altri quattro contagi nello staff, la Mitchelton-Scott ha deciso invece di ritirarsi dal Giro. La formazione australiana, dopo essersi confrontata con Rcs Sport, ha deciso fermarsi per concentrarsi sulla salute dei suoi corridori e del suo staff e per salvaguardare la bolla dei team. Il Giro d’Italia riparte oggi 13 ottobre con la decima frazione, 177 km da Lanciano a Tortoreto nel Teramano: poco prima del via la notizia che anche la Jumbo non avrebbe preso parte alla tappa

Memoriale Coronavirus

Il Fatto di Domani - Ogni sera il punto della giornata con le notizie più importanti pubblicate sul Fatto.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Sei Nazioni 2021 in bilico per il Covid: il nodo degli incassi da botteghino dietro il pressing delle federazioni che vogliono gli spalti pieni

next