Scatta l’allarme Covid anche nella “bolla” del Giro d’Italia: il corridore Simon Yates è risultato positivo al coronavirus e non sarà al via dell’ottava tappa da Giovinazzo a Vieste. Il ciclista ha accusato i primi sintomi nel pomeriggio di venerdì dopo l’arrivo a Brindisi.

Il 28enne britannico della Mitchelton-Scott, dato tra i favoriti alla partenza del Giro, in virtù della sintomatologia è stato sottoposto a un test rapido che ha dato esito positivo. Nuovamente testato, spiega il team, il contagio è stato confermato. Sono invece risultati negativi tutti gli altri membri del team.

Yates è stato isolato e dovrà osservare la quarantena. Vincitore della Tirreno-Adriatico a settembre, il 28enne era arrivato al Giro con grandi aspettative ma si era staccato sulle prime rampe della tappa conclusa sull’Etna e in generale, al momento, era in 21esima posizione attardato di 3’52” dalla maglia rosa di Almeida.

“Oramai i guai sono cominciati da metà agosto con la caduta di Remco Evenepoel, da allora non ne va dritta una”, dice il direttore della Corsa rosa, Mauro Vegni. Che sottolinea: “Stiamo controllando a richiesta tutti quelli che ce lo chiedono con i tamponi rapidi. Stiamo facendoli in attesa che tra domenica e lunedì si svolgano quelli già programmati”. Al momento, aggiunge, “siamo tranquilli anche guardando i numeri degli altri paesi: un caso su duemila persone non mi sembra un problema, il vero tema è lo stimolo a stare attenti”.

Memoriale Coronavirus

Il Fatto di Domani - Ogni sera il punto della giornata con le notizie più importanti pubblicate sul Fatto.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Boxe, Matteo Signani a 41 anni difende il titolo europeo dei medi: “Ho una vita da frate. Questo sport lo fai perché ne sei innamorato”

next