Nasce a Milano la prima edicola eco-sostenibile italiana. Una capanna in legno in mezzo al cemento e al traffico di piazza della Resistenza Partigiana. “Sembra di stare in una baita” racconta emozionata Simona Piccoli che insieme al marito Omar da otto anni gestisce l’edicola. Il vecchio chiosco è stato sostituito da una nuova struttura realizzata dallo studio Rubner Haus. “L’idea ci è venuta durante il Covid – spiega l’amministratrice delegata di Rubner Haus Deborah Zani- ci siamo resi conto di quanto sia importante come luogo di abitudine quotidiana, una finestra sulla comunità”. Una struttura progettata dagli architetti Flavio Barban e Nicola Cappellari: “Carta e legno sono due materiali che dialogano e che fanno parte del mondo delle edicole – spiegano gli architetti – la nostra idea era trasformarli in una capanna quindi prendere l’archetipo delle forme e portarlo in questo luogo in mezzo a queste piante”. Qui non si vendono solo giornali. “È un punto di riferimento culturale e per il quartiere – spiega Simona ricordando il periodo del lockdown – ma siamo diventati ormai un punto di servizi per i cittadini”

Sostieni ilfattoquotidiano.it:
portiamo avanti insieme le battaglie in cui crediamo!

Sostenere ilfattoquotidiano.it significa permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti.

Ma anche essere parte attiva di una comunità con idee, testimonianze e partecipazione. Sostienici ora.


Grazie Peter Gomez

Sostienici ora Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Fidanzati uccisi a Lecce: da dove viene quella violenza? Forse la risposta è nei ragazzi di oggi

next
Articolo Successivo

Ragusa, l’ex fabbrica di bitume riapre le porte e diventa museo con le opere di 25 artisti

next