Nei primi otto mesi del 2020, complice il lockdown, le denunce complessive di infortunio sul lavoro con calate del 22%. Ma nello stesso periodo i casi di Covid contratto sul posto di lavoro hanno fatto crescere del 20% le denunce di infortuni con esito mortale: sono state 823, 138 in più rispetto a quelle registrate tra gennaio e agosto 2019.

La diminuzione delle denunce complessive – sono state 322.132, 95.000 casi in meno rispetto ai primi otto mesi del 2019 – è influenzata dal sostenuto calo tra marzo e agosto a causa soprattutto dello stop forzato tra marzo e maggio di ogni attività produttiva non essenziale e delle difficoltà incontrate dalle imprese nel riprendere la produzione a pieno regime nel periodo post-lockdown. Il calo maggiore si è registrato nel mese di maggio, con denunce praticamente dimezzate rispetto allo stesso mese del 2019. Il numero degli infortuni sul lavoro denunciati nei primi otto mesi del 2020 è diminuito del 14,8% nella gestione Industria e servizi, del 20,6% in Agricoltura e del 62,3% nel conto Stato (da 66.721 a 25.176). Per quest’ultima gestione, in particolare, si è registrato tra marzo e agosto un crollo delle denunce, dalle oltre 43.000 del 2019 alle 4.100 del 2020 (-90,6%), per effetto dell’utilizzo della prestazione lavorativa in modalità agile da parte della quasi totalità dei dipendenti statali e dell’assenza degli studenti nelle scuole e università.

Come da attese, il settore Sanità e assistenza sociale si distingue per il forte incremento delle denunce di infortunio in occasione di lavoro: +124% nei primi otto mesi (dai 18mila casi del 2019 ai 40mila del 2020), con punte di oltre il +500% a marzo e del +450% ad aprile nel confronto sul 2019. Tra giugno e agosto si è assistito, invece, a un’inversione di tendenza, con decrementi compresi in un intervallo tra il -9% e il -18%. Nel 2020, inoltre, due denunce su tre del settore hanno riguardato il contagio da Covid-19.

Per quanto riguarda le denunce di infortunio sul lavoro con esito mortale, a livello nazionale si registra una riduzione solo degli infortuni mortali in itinere, che sono passati da 192 a 138 (-28,1%), mentre quelli avvenuti in occasione di lavoro sono aumentati da 493 a 685 (+38,9%). L’incremento ha riguardato invece soprattutto la gestione Industria e servizi, con un aumento da 588 a 721 denunce, e il conto Stato (da 10 a 32), mentre l’Agricoltura ha registrato 17 casi in meno (da 87 a 70).

Memoriale Coronavirus

Il Fatto di Domani - Ogni sera il punto della giornata con le notizie più importanti pubblicate sul Fatto.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Professionisti, 2 su 5 hanno chiesto il bonus Covid. Redditi in continua discesa, le donne guadagnano poco più della metà dei colleghi

next
Articolo Successivo

Licenziato per assenze Covid: arrivano gli ispettori. Ma nessuna tutela di legge per le patologie post virus: benservito dopo 180 giorni a casa

next