Leo Messi torna a farsi sentire e lo fa chiedendo scusa al Barcellona e ai suoi tifosi per la crisi che lui stesso ha aperto nelle scorse settimane con il club blaugrana, dal quale era pronto ad andare via. “Dopo tanti disaccordi, mi piacerebbe chiudere questa storia. Tutti noi ‘barcellonisti’ dobbiamo unirci e capire che il meglio sta per arrivare”, ha detto in un’intervista al quotidiano Sport. “Mi prendo la responsabilità dei miei errori, che se sono stati commessi è stato solo per cercare di fare un Barcellona migliore e più forte. Sommare passione e voglia sarà l’unico modo per ottenere gli obiettivi prefissati. Il tutto restando sempre uniti e remando nella stessa direzione – ha concluso Messi -. Voglio mandare un messaggio a tutti i soci e a tutti i tifosi ‘culé’ che ci seguono: se in un momento dato a qualcuno di loro può aver dato fastidio qualcosa che ho detto o fatto, che non abbiano dubbi, ho sempre fatto tutto pensando al meglio per il club”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Riapertura stadi, dal 20% di capienza della Germania al no della Spagna: come funziona in Europa. E in Giappone è vietato fare il tifo

next
Articolo Successivo

Focolaio al Genoa, qui manca un protocollo. Ma chi decide deve saper dare una direzione unica

next