Nuovo stop per l’ordine esecutivo con cui il presidente Donald Trump ha disposto il blocco di TikTok negli Usa. Un giudice del tribunale federale del Distretto di Columbia ha temporaneamente bloccato il provvedimento che sarebbe entrato in vigore oggi, accogliendo la richiesta degli avvocati dell’azienda di proprietà della cinese ByteDance. L’amministrazione Trump ha assicurato che rispetterà l’ordinanza del tribunale emessa dal giudice Carl J. Nichols, ma ha annunciato che farà appello. “Il governo si atterrà all’ordinanza del tribunale e ha preso provvedimenti immediati in tal senso, ma intende difendere con forza l’ordine esecutivo” con cui è stato disposto il divieto, si legge in una nota in cui si assicura che il segretario al Commercio, Wilbur Ross, continuerà a lavorare affinché sia attuata la decisione del presidente. Risale al 18 settembre l’annuncio della Casa Bianca di vietare TikTok e We chat per “combattere la maligna raccolta di dati personali degli americani da parte della Cina, promuovendo allo stesso tempo i nostri valori e le norme della democrazia”, come dichiarò su indicazione del presidente il segretario Bruss.

I legali di TikTok, la app di condivisione di video nel mirino delle preoccupazioni dell’amministrazione Usa per presunti rischi alla sicurezza dei dati, esprimono soddisfazione per la sentenza, dal momento che i download e gli aggiornamenti del social potranno continuare almeno fino a un nuovo pronunciamento dei giudici. “Siamo felici che la Corte si sia detta d’accordo con i nostri argomenti legali”, hanno commentato, promettendo di continuare a difendere i propri interessi e quelli degli utenti, e assicurando che continuerà il dialogo con l’amministrazione Usa “per trasformare la nostra proposta, a cui il presidente ha dato la sua approvazione preliminare lo scorso fine settimana, in un accordo”. Il riferimento è alla trattativa in corso tra ByteDance, Oracle e Walmart, attraverso la quale TikTok spera di risolvere i problemi sollevati dalla Casa Bianca ed evitare il bando.

In realtà non è la prima vittoria ottenuta da TikTok: l’ordine esecutivo di Trump era già stato fatto slittare una settimana fa proprio alla luce dell’ipotesi di accordo con le due aziende americane. La giudice Laurel Beeler a San Francisco, invece, pochi giorni fa ha sospeso l’applicazione del divieto per WeChat. “Le azioni contro TikTok e WeChat sono volte a indebolire il ruolo della Cina nell’economia digitale globale in generale, principalmente per ragioni geopolitiche”, ha spiegato alla Xinhua Jeffrey Sachs, professore di economia alla Columbia University e consigliere senior delle Nazioni Unite. Il Ministero del Commercio cinese (Moc) ha recentemente affermato di essere decisamente contrario all’iniziativa degli Stati Uniti di bloccare il download delle applicazioni WeChat e TikTok, esortando gli Stati Uniti a salvaguardare le regole e l’ordine internazionale.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

TRUMP POWER

di Furio Colombo 12€ Acquista
Articolo Precedente

“Trump non ha pagato tasse per almeno 10 degli ultimi 15 anni. Versati solo 750 dollari nel 2016 e 2017”

next
Articolo Successivo

Nagorno-Karabakh, bombardamenti azeri: uccisi 16 soldati armeni. La controffensiva aerea per neutralizzare depositi di munizioni

next