Era ricoverata in ospedale da una settimana, dopo che il marito le ha dato fuoco al termine di un litigio. Ma a causa delle ferite riportate sul tutto il corpo, Mina Safine non ce l’ha fatta. La donna, una 45enne di origini marocchine, era residente nel quartiere di Brescia Urago Mella. Secondo quanto ricostruito dagli inquirenti, domenica 20 settembre l’uomo le ha versato del liquido infiammabile addosso e ha tentato di bruciarla viva. Tanto che, quando i carabinieri e i vigili del fuoco sono arrivati sul posto, le fiamme stavano incendiando anche l’appartamento dove viveva la coppia.

I soccorsi sono stati immediati e Safine è stata subito ricoverata per ustioni gravissime agli Spedali civili di Brescia. Poi in settimana è stata trasferita all’ospedale di Genova, fino al decesso avvenuto stamattina. Il marito, su cui ora pende un’accusa di omicidio (l’ipotesi di reato iniziale era quella di tentato omicidio), è piantonato in ospedale. Anche lui, infatti, è rimasto ustionato in alcune parti del corpo. In settimana è stato ascoltato dai pm, ma si è avvalso della facoltà di non rispondere.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Onorificenza alla memoria per Teresa Scavelli, la baby sitter calabrese uccisa in Svizzera per salvare tre bambini da un aggressore

next
Articolo Successivo

Pisa, cadavere di un uomo scoperto lungo un argine: sul corpo segni di coltellate

next