Una immagine, voci della famiglia. Alex Zanardi, sottoposto a un nuovo intervento, ha dato i primi segnali di interazione con l’ambiente che lo circonda. Che il campione paralimpico fosse un lottatore era chiaro a tutti. Anche se il bollettino diffuso ieri dal San Raffaele di Milano, dove l’ex pilota è ricoverato dal 24 luglio scorso, è piuttosto chiaro “il quadro clinico generale” resta “complesso ” e “sulla cui prognosi è assolutamente prematuro sbilanciarsi”. Zanardi lotta, dopo il terribile incidente del 19 giugno scorso quando, durante una staffetta di beneficenza in handbike, lungo la Statale 146 a Pienza, in Toscana, ha perso il controllo del suo mezzo e si è scontrato all’uscita di una curva in discesa contro un camion che proveniva dalla direzione opposta.

Nell’impatto, avvenuto a forte velocità, Zanardi perse anche il casco, battendo violentemente la testa contro il mezzo pesante. Sottoposto a un primo intervento neurochirurgico e maxillo-facciale al policlinico le Scotte di Siena, è rimasto sempre in gravi condizioni. Dopo circa un mese di coma farmacologico e altre tre operazioni, il 21 luglio è stato trasferito in un centro specializzato di Lecco per proseguire la riabilitazione ma solo tre giorni dopo, a seguito di alcune complicazioni, è stato trasferito in terapia intensiva all’ospedale San Raffaele di Milano. “Da diversi giorni – hanno comunicato ieri i medici della struttura milanese – Alex Zanardi è sottoposto a sedute di riabilitazione cognitiva e motoria, con somministrazione di stimoli visivi e acustici, ai quali il paziente risponde con transitori e iniziali segni di interazione con l’ambiente. A fronte di questi progressi significativi, i medici ribadiscono, comunque, il permanere di un quadro clinico generale complesso, sulla cui prognosi è assolutamente prematuro sbilanciarsi”.

Zanardi, hanno aggiunto, “sta affrontando un percorso di cure sub-intensive, predisposto da una équipe multidisciplinare coordinata dai professori Luigi Beretta, direttore della Neurorianimazione, Mario Bussi, direttore di Otorinolaringoiatria, Sandro Iannaccone, direttore della Neuroriabilitazione, e Pietro Mortini, direttore della Neurochirurgia”. In questo percorso l’ex pilota, che perse le gambe in un terribile incidente nel 2001 in pista in Germania ed è poi diventato un campione paralimpico ammirato in tutto il mondo, viene sottoposto anche ad alcuni interventi di ricostruzione cranio facciale. “Un primo intervento – hanno rivelato dal San Raffaele – è già stato eseguito con successo, alcuni giorni fa, dal professor Mario Bussi ed è già in programmazione, per le prossime settimane, un secondo intervento che sarà eseguito dal professor Pietro Mortini”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Ti ricordi… Quando Bjorklund del Vicenza disse no a Moggi che lo voleva gratis alla Juve: ‘Soldi anche ai veneti, in Italia grazie a loro’

next
Articolo Successivo

Filippo Ganna è campione del mondo di ciclismo a cronometro: l’impresa a Imola

next