Gli “incendi zombie“, cioè piccoli roghi che si sviluppano in profondità in zone paludose e, se non domati, possono distruggere ettari di vegetazione, minacciano i boschi della Siberia. Un gruppo di vigili del fuoco volontari è intervenuto per contrastarne uno nelle paludi all’interno della riserva naturale di Suzunski. Questo fuoco può sopravvivere anche ai rigidi inverni siberiani per questo la minaccia è concreta. Ogni anno queste fumate profonde rischiano di bruciare migliaia di ettari di vegetazione e, col tempo, possono rivelarsi una vera e propria bomba climatica.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Guardia di Finanza, a Venezia consegnata la prima motovedetta ibrida a impatto ambientale zero

next
Articolo Successivo

Sviluppo sostenibile, perché è urgente inserire nella Costituzione la questione ambientale

next