Un cassonetto dei rifiuti che nasconde la targa che ricorda l’omicidio di Federico Aldrovandi. Succede a Ferrara, a pochi giorni dal quindicesimo anniversario della morte del diciottenne per mano, colposa, di quattro agenti di polizia. Lo sfregio viene denunciato su Facebook dal padre Lino Aldrovandi che, con toni sommessi, fa notare come ”forse un po’ di rispetto a pochi giorni da un ricordo particolare in quel luogo di morte di un ragazzo, magari spostando i contenitori un poco più in là, andava considerato”.

Certo che i rifiuti hanno necessità di essere riposti da qualche parte, pero' forse un po' di rispetto a pochi giorni da…

Gepostet von Lino Giuliano Aldrovandi am Mittwoch, 23. September 2020

“Così è il mondo Federico – prosegue il genitore -, anche nelle piccole cose, anche coprire con un bidone la tua immagine semplice e pura. Sarà stata una svista, diciamo così. Invito le persone a non proferire la minima offesa verso alcuno, sicuro della vostra comprensione”. L’immagine non tarda a essere condivisa centinaia di volte sui social, facendo crescere sdegno e riprovazione.

All’indice finisce la giunta leghista di Ferrara e inizia a circolare una prima giustificazione ufficiosa del fatto. È lo stesso Lino Aldrovandi a riportarla: “Pochi minuti fa sono stato informato che si è trattato di un errore di un operaio che non conosceva la storia. L’ha fatto in buona fede. Sempre secondo l’informazione i cassonetti, se non già fatto, dovrebbero essere spostati. Una svista”.

L’assessore all’ambiente Alessandro Balboni offre a Ilfattoquotidiano.it una versione diversa: “In questi giorni in via Ippodromo si tiene un evento privato organizzato da una contrada del Palio. Gli organizzatori hanno chiesto a Hera (l’azienda che gestisce il servizio rifiuti, ndr) alcuni cassonetti per conferire i rifiuti e loro, quelli della contrada, li hanno posizionati lì. Ci metto la mano sul fuoco che è andata così. Non c’entrano né Hera né il Comune. Ho chiesto all’azienda di spostarli, cosa che è stata fatta immediatamente”.

La festa in questione è quella del Borgo di San Luca, che da anni nella seconda metà di settembre tiene un evento gastronomico proprio dietro ai cancelli dove venne ucciso Federico. Il messaggio della giunta arriva anche al padre, che aggiorna il suo post: “Il Comune non c’entra nulla e, come avevo ipotizzato, si è trattato di una ‘svista’, che non toglie comunque quella delusione provata”.

Oggi in Edicola - Ricevi ogni mattina alle 7.00 le notizie e gli approfondimenti del giorno. Solo per gli abbonati.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Mascherina obbligatoria anche all’aperto in Campania: la nuova ordinanza di De Luca

next
Articolo Successivo

Suarez, parla l’esaminatore che l’ha promosso: “La pressione l’ho sentita, mi sono ritrovato tirato nel mezzo. Non era situazione standard”

next