I ricercatori della società specializzata in cybersicurezza, Check Point, hanno scoperto che negli ultimi tre mesi c’è stato un aumento dell’interesse degli hacker per argomenti legati all’istruzione, alla ricerca e al ritorno a scuola. “Ora che il nuovo anno accademico è iniziato, abbiamo voluto approfondire le caratteristiche di questi attacchi”, si legge nel comunicato stampa dell’azienda. “Nello specifico, abbiamo esaminato Stati Uniti, Europa e Asia. Nel complesso, l’istruzione e la ricerca in queste aree geografiche si stanno rivelando un settore interessante per i criminali informatici. I nostri dati mostrano un aumento degli attacchi, con metodi e tattiche diversi adottati nelle diverse regioni”.

In particolare, a leggere i dati, emerge che in Europa tra luglio e agosto il numero medio di attacchi settimanali nei confronti di atenei e altre istituzioni accademiche, è aumentato del 24%, passando da 638 a 793 nei due mesi precedenti. Numeri significativi, soprattutto se pensiamo che nello stesso lasso di tempo, l’incremento generale del numero di attacchi globali considerando tutti i settori in Europa, è solo del 9%.

Sempre restando in Europa, gli attacchi sono soprattutto di tipo Information Disclosure e utilizzano tecniche di sfruttamento delle vulnerabilità. In pratica gli hacker cercherebbero di accedere a informazioni sensibili riguardanti gli utenti ma soprattutto le istituzioni stesse, ad esempio informazioni personali ma anche di ricerca e industriali, sfruttando le debolezze intrinseche dei siti e delle reti informatiche per guadagnare l’accesso ai dati.

Insomma, la sicurezza spesso non è garantita per le reti degli istituti accademici, per vari motivi, come mancanza di aggiornamenti tempestivi, componenti hardware e software datati e poca professionalità degli amministratori di rete. Una situazione che mette però a rischio non solo i dati sensibili degli utenti, ma soprattutto i patrimoni intellettuali, legati ad esempio a ricerche e brevetti, che hanno un potenziale enorme, sia in termini economici che politici e che per questo sono sempre più spesso obiettivo di attacchi.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Huawei MateBook D15, ultraportatile potente con 150 euro di sconto su Amazon

next
Articolo Successivo

HP Omen, ecco le nuove periferiche wireless per una scrivania sempre ordinata

next