In Lombardia ci sono troppi piccioni e stanno diventando dannosi per l’agricoltura. Per questo Regione Lombardia ha pubblicato un decreto che autorizza l’abbattimento di 20mila esemplari “nel periodo 20 settembre 2020 – 20 gennaio 2021”, come si legge in una nota di Palazzo Lombardia. “Il numero massimo di capi prelevabili è pari a 20mila e sono stati autorizzati al controllo 600 cacciatori, a fronte di 736 richieste di autorizzazione. Le deroghe al prelievo venatorio sono state approvate dall’Istituto superiore per la protezione e la ricerca ambientale”. “Il ‘colombo di città’ è una specie – ha ricordato l’assessore regionale lombardo all’Agricoltura, alimentazione e sistemi verdi, Fabio Rolfi – che crea danni ingenti ai campi di frumento, girasole, mais, orzo, pisello, riso e soia. Oltretutto porta un rischio di carattere sanitario negli allevamenti. Visto che siamo una delle prime regioni zootecniche d’Europa non possiamo correre rischi. I piccioni possono ospitare una quantità di patogeni di varia natura trasmissibili per via aerea e non solo”

“In Lombardia – precisa la Regione – l’importo dei danni accertati alle produzioni agricole dai piccioni è stato di 932mila euro fra il 2004 e il 2019. Per non superare il limite massimo totale di capi prelevabili, ogni cacciatore autorizzato al controllo del colombo di città, potrà prelevare un numero non superiore a 33 capi totali nel corso del periodo consentito ed un numero di capi giornalieri non superiore a 30″. “La Lombardia è la prima regione agricola d’Italia e l’agricoltura va difesa anche attraverso una alleanza sempre più stretta tra mondo agricolo e venatorio. Nella nostra regione il settore primario dà lavoro a oltre 230 mila persone e intendiamo intraprendere ogni azione possibile per valorizzare il nostro sistema agroalimentare, che sarà il principale protagonista della ripartenza economica”, conclude l’assessore Rolfi. Questo il numero di cacciatori autorizzati per provincia: 67 a Bergamo, 227 a Brescia, 18 a Como, 19 a Cremona, 2 a Lecco, 12 a Lodi, 132 a Mantova, 88 a Milano, 17 a Monza e Brianza, 13 a Pavia e 5 a Varese

Oggi in Edicola - Ricevi ogni mattina alle 7.00 le notizie e gli approfondimenti del giorno. Solo per gli abbonati.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

IL DISOBBEDIENTE

di Andrea Franzoso 12€ Acquista
Articolo Precedente

Willy, a Roma una fiaccolata per ricordare il giovane ucciso a Colleferro: “Ci batteremo per una giusta pena”

next
Articolo Successivo

Ravenna, condannati per aver coperto simboli nazifascisti: eppure era un dovere delle istituzioni

next