Paura del Covid, visto che “i numeri non sono scesi”, ma soprattutto timore di dover chiudere le proprie attività commerciali o di contagiare i nonni che “per la cultura confuciana” vivono in casa. La scuola è ricominciata, ma non per tutti. Molti figli di cinesi, infatti, sono rimasti in casa. Girando per il quartiere cinese di Milano durante l’orario scolastico, infatti, sono molti i bambini che si incontrano in giro. Il servizio.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

A Bolzano primo caso in un istituto tecnico: così è stato gestito. “Tracciare movimenti ha evitato la chiusura, per la classe lezioni online”

next