“La riapertura degli stadi? Ci sono considerazioni del Cts, governatori che hanno fatto ordinanze sulla base dell’impiantistica. Ma quello che ha detto Gravina è condivisibile: il calcio senza pubblico non è veramente calcio”, così il presidente del Coni Giovanni Malagò al termine di una riunione di giunta. Il presidente ha fatto sapere di “aspettare con pazienza” ma che le istanze “sono chiare”. “Non è chiaro perché non si potevano affrontare contemporaneamente il problema delle scuole e della riapertura degli stadi”, lamenta Malagò che evidenzia anche il problema per tutti gli altri sport che vivono grazie soprattutto alla campagna abbonamenti.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Svolta in Serie A: ok alla media company per i diritti tv. Tra il bisogno di una rivoluzione epocale e la tentazione per le casse dei club

next