Cambia qualcosa nella nostra percezione dell’Unione Europea, dopo l’accordo sul Recovery Fund? Ne abbiamo parlato con i cittadini in strada, registrando pareri contrastanti. “Finalmente in Europa prevale la solidarietà sui freddi numeri dei bilanci”, dichiarano alcuni. “Continuo a non fidarmi: l’Europa ci ha lasciati soli durante la pandemia”, obiettano altri. “Questa crisi può determinare l’inizio di una fase nuova”, ipotizza un’altra voce. “Non cambia nulla: la Ue non è una comunità, è ostaggio degli interessi nazionali dei singoli Paesi”, osservano altri ancora. E c’è chi vede all’orizzonte “una dura crisi sociale”. Ma i fondi europei su quali progetti vanno investiti? Sul tema le opinioni convergono: “Le priorità sono lavoro, scuola, sanità, infrastrutture”. E voi come la pensate?

Che c'è di Bello - Una guida sulle esperienze più interessanti, i trend da seguire e gli eventi da non perdere.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Coronavirus, la comunicazione scientifica fallisce se si esprime dissenso con l’insulto

next