Come in Toscana c’è un testa a testa tra il dem Giani e la leghista Ceccardi, anche in Puglia il candidato del centrosinistra Michele Emiliano è a una manciata di voti dal competitor di cetrodestra Raffaele Fitto. Con la differenza che, mentre nella storica Regione rossa Giani è in leggero vantaggio, il governatore uscente Emiliano è costretto a rincorrere il suo rivale. A sostenerlo sono due nuovi sondaggi. Quello realizzato da Ipsos per il Corriere della Sera, secondo cui Fitto può contare attualmente sul 41% dei consensi, mentre l’ex sindaco di Bari è dato al 39,4%. In terza posizione c’è la candidata del Movimento 5 stelle Antonella Laricchia (15,6%). Solo le briciole per Ivan Scalfarotto, fermo all’1,6% e in corsa per Italia Viva, che qui ha scelto di non schierarsi con il centrosinistra. Scenario simile per Noto, secondo cui Fitto viaggia nella forchetta tra il 39-43% ed Emiliano in quella 36-40. Terza posizione per Laricchia, accreditata del 12-16%.

I candidati alla guida della Regione in realtà sono otto, ma secondo il direttore di Ipsos Nando Pagnoncelli “solo l’attuale presidente Emiliano e l’ex presidente Fitto risultano conosciuti dalla stragrande maggioranza dei pugliesi (rispettivamente il 92% e il 79%); Antonella Laricchia del Movimento 5 Stelle, unica donna tra i competitor, è nota a un elettore su due (49%) e Ivan Scalfarotto, sostenuto da Italia viva e altre liste, da circa uno su quattro (23%)”. A testimonianza di quanto sia combattuta la partita, c’è il giudizio espresso dai cittadini sull’amministrazione uscente. Il 52% ne dà una valutazione positiva, mentre il 46% si esprime in modo critico.

Per quanto riguarda le liste, Pd e Lega si contendono il trofeo di primo partito (sono dati rispettivamente al 18 e al 17,5%). Seguono il Movimento 5 stelle (17%), Fratelli d’Italia (12,9%), Forza Italia (7,5%) e le numerose liste di appoggio al presidente uscente e al suo principale sfidante. Complessivamente la coalizione che sostiene Raffaele Fitto è data al 42,4%, mentre quella a favore di Emiliano al 38,4. Un divario ancora più ampio rispetto alle preferenze per il candidato governatore. Situazione simile nel campo dei 5 stelle: la lista attualmente può contare sull’1,4% di voti in più rispetto a quelli raccolti da Laricchia. Secondo Pagnoncelli, il dato testimonia che parte dell’elettorato pentastellato intende ricorrere al voto disgiunto e supportare la corsa di Emiliano. Una strategia che lo stesso governatore uscente ha chiesto ai cittadini di adottare per riuscire a strappare la vittoria.

Noto ha diffuso anche due sondaggi sulla corsa in Veneto e Toscana. La vittoria di Luca Zaia è considerata plebiscitaria dall’istituto: il governatore è accreditato del 71-75% di voti, mentre il candidato di centrosinistra Arturo Lorenzoni si ferma al 18-22%. Per quanto riguarda la Toscana, invece, il candidato dem Eugenio Giani strapperebbe la vittoria con il 42-46%, mentre Susanna Ceccardi insegue con il 39-43% e potrebbe aspirare alla vittoria solo se si incrociasse il punto più basso della forchetta dell’aspirante governatore del Pd e il suo picco massimo.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Elezioni, nel “laboratorio Caivano” Pd e M5s alleati di Italia viva e sinistra. Il candidato sindaco Falco: “Schema valido per Politiche”

next
Articolo Successivo

La deputata Piera Aiello lascia il Movimento 5 stelle: “Non mi rappresenta più”. E sulla giustizia attacca Bonafede: “Decide tutto lui”

next