“Con questo passaggio referendario avremo un Parlamento più sobrio ed efficiente. È un segale di rinnovamento”. Lo ha detto Maurizio Martina, deputato del Partito democratico, a margine della conferenza stampa con cui insieme al senatore Franco Mirabelli e al deputato Andrea Romano, ha spiegato le ragioni del Sì al Referendum sul taglio dei parlamentari. “Correttivi? Sono già calendarizzati, tanto sulla legge elettorale quanto i correttivi costituzionali”, ha proseguito. “Nel Pd qualcuno vota no al referendum? Giusto avere un dibattito all’intento del partito. Ricordo che il voto finale della riforma per noi è stato un voto positivo e i voti negativi che lo anticiparono furono condizionati dal contrasto che in quel periodo vivevamo con la maggioranza gialloverde. La ragione per cui non potemmo votare in quel frangente è perché i nostri emendamenti venivano reputati inammissibili”, ha concluso

Sostieni ilfattoquotidiano.it: il tuo contributo è fondamentale

Il tuo sostegno ci aiuta a garantire la nostra indipendenza e ci permette di continuare a produrre un giornalismo online di qualità e aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per il nostro futuro.
Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Dl Covid, Camera approva la fiducia con 276 sì. Del M5s 28 deputati non partecipano al voto: “Assenze fisiologiche, solo 7 ingiustificati”

next
Articolo Successivo

Il taglio degli eletti “mortifica” la Carta e la rappresentanza? Il numero attuale risale al ’63. E non c’erano Consigli regionali e Parlamento Ue

next