Tracollo per l’economia indiana nel secondo trimestre del 2020. Il Prodotto interno lordo ha registrato una contrazione del 23,9% a causa della chiusura delle attività dettate dalla pandemia. Nonostante le misure di contenimento la diffusione del virus appare fuori controllo con contagi giornalieri che sfiorano quota 80 mila e il totale dei casi a 3,6 milioni. Come per molti altri paesi si tratta della contrazione del Pil più forte di sempre ed è peggiore rispetto al meno 19% atteso dagli esperti. Più nel dettaglio il prodotto dell’industria è diminuito del 40%, quello delle costruzioni del 50%, l’attività di hotel e ristoranti si è contratta del 47%. Ad arginare il calo sono agricoltura e spesa pubblica. Tra i dati diffusi dall’istituto nazionale di statistica anche il consumo di acciaio, diminuito tra aprile e giugno del 57%.

Anche la Turchia vive la sua peggior contrazione trimestrale di sempre. Il Pil è sceso dell’ 11%, facendo tuttavia leggermente meglio delle attese e calando meno rispetto ad altri paesi emergenti. L’industria manifatturiera ha registrato un meno 18%, i servizi un meno 25%. Le esportazioni sono diminuite del 35%. La caduta è stata parzialmente attutita dalle misure espansive decise da Ankara per favorire il credito a imprese e famiglie. Il rovescio della medaglia è stato l’indebolimento della valuta locale. Negli ultimi tre mesi la lira turca ha perso il 13% nei confronti dell’euro e dell’8% sul dollaro. Un grosso problema per un paese che come la Turchia con un debito in valuta estera di circa 430 miliardi di dollari.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Successivo

I furbetti del Covid ci sono anche in Svizzera. Un prestito ogni 300 sotto inchiesta

next