Un match tre le riserve della squadra di Saint-Gaudens (Lot-et-Garonne) e quelle del team di Miélan. Durante questa che doveva essere una partita di rugby tranquilla, un giocatore è morto dopo un placcaggio. I giornali locali spiegano che Peter Janicot “ha ricevuto la palla e l’ha passata quando è stato placcato. Il ragazzo si è alzato gemendo prima di crollare”. Un’azione ‘classica’ che si è trasformata in tragedia. A nulla sono serviti i tentativi di rianimare il giocatore, 30 anni, che è morto davanti alla compagna incinta, seduta sugli spalti. Tra le cause della morte c’è un possibile scompenso cardiaco anche se le indagini sono in corso. “Non abbiamo parole, siamo devastati. Abbiamo perso uno dei nostri”, le parole del team su Facebook.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te

In questi tempi difficili e straordinari, è fondamentale garantire un'informazione di qualità. Per noi de ilfattoquotidiano.it gli unici padroni sono i lettori. A differenza di altri, vogliamo offrire un giornalismo aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per permetterci di farlo. Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Cavalli mutilati in modo macabro in Francia: tra le ipotesi quella dei rituali satanici. Paura negli allevamenti

next
Articolo Successivo

Bambina di tre anni rimane incastrata nell’aquilone e viene sollevata in aria dal vento. Il video

next