“Frasi di Zangrillo? In base ai dati pubblicati dall’Istat la settimana scorsa, anche in piena epidemia, mesi fa, avevamo il 50-60% di asintomatici, quindi non è una novità. Circa il fatto che non arrivino più nuovi malati in rianimazione, forse Zangrillo si riferisce al suo ospedale perché questo non è vero su scala nazionale. Da noi abbiamo decine di malati in reparto e in terapia intensiva. Non capisco su quali basi lui faccia quelle affermazioni. Sono affermazioni estremamente pericolose“. Così, a “In onda” (La7), il virologo Andrea Crisanti, direttore del laboratorio di Microbiologia e virologia dell’ospedale universitario di Padova, commenta le discusse dichiarazioni di Alberto Zangrillo, primario di Rianimazione dell’ospedale San Raffaele di Milano.

Circa l’aumento sensibile dei contagi, Crisanti osserva: “Quello che vediamo adesso purtroppo è il risultato di quello che è accaduto un paio di settimane fa. Penso che questo trend di contagi in aumento proseguirà anche nelle prossime settimane. Riguardo all’età che si è abbassata, questo non ha nulla a che vedere col virus, perché le modalità con cui esso con cui si trasmette sono dovute sostanzialmente a due fattori: alle caratteristiche biologiche del virus, che appunto si trasmette per via aerea, e al comportamento umano che è in grado di modificarlo. Ora sicuramente gli anziani e le persone che convivono con loro stanno molto più attenti – conclude – E c’è certamente più attenzione nella gestione delle Rsa. In ogni caso, vedendo i dati dell’ultima analisti dell’Istat, ci accorgiamo che anche durante la piena pandemia di 3-4 mesi fa si ammalavano anche persone molto giovani, solo che questo non arrivava alla nostra attenzione perché usavamo gran parte dei tamponi per le persone che stavano effettivamente male. Quindi, era anche una visione un po’ distorta di quello che vedevamo”.

Memoriale Coronavirus

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Coronavirus, Zangrillo a La7: “Essere contagiati non vuol dire essere malati”

next
Articolo Successivo

Bonus 600 euro, Di Pietro su La7: “Piccionaia di gente miserabile. Voglio tutti i nomi, non solo dei politici. Sui soldi pubblici non c’è la privacy”

next