È il Cinquestelle Marco Rizzone uno dei cinque deputati che hanno chiesto il bonus 600 euro per le partite Iva. La conferma arriva da una nota del capo politico del Movimento 5 stelle, Vito Crimi: “In relazione alla vicenda del bonus da 600 euro, destinato a partite Iva, lavoratori autonomi e professionisti, ho deferito il deputato Marco Rizzone al collegio dei probiviri chiedendone la sospensione immediata e massima severità nella sanzione”.

Il parlamentare dei Cinquestelle esce allo scoperto proprio alla vigilia dell’audizione del presidente Inps, Pasquale Tridico, che venerdì alle ore 18 in diretta web dalla commissione Lavoro della Camera potrà dare i nomi dei deputati che hanno chiesto e ottenuto il bonus, ma anche di chi ha presentato la domanda, poi rifiutata. La Lega aveva già anticipato Tridico, sospendendo i due deputati Andrea Dara ed Elena Murelli: il leader della Lega Matteo Salvini aveva annunciato le dimissioni, poi ha abbandonato la linea dura.

Nato a Genova, 37 anni, una laurea in finanza e dottorato alla Scuola Sant’Anna di Pisa, Rizzone è un imprenditore nel settore delle tecnologie e del turismo. Ha creato l’App Zonzo Fox, una guida turistica nelle città italiane. Eletto con il Movimento 5 stelle nel 2018 nel collegio uninominale di Genova ma non militante della prima ora, Rizzone al suo primo mandato in parlamento è ora componente della commissione attività produttive della Camera e della commissione d’inchiesta sulle Banche. Nel 2019 ha dichiarato un reddito di 74.995 euro e il possesso di diverse azioni, da Enel a Leonardo, Pirelli ed Eni.

Il 1° aprile, nel primo giorno in cui lavoratori autonomi e partite Iva potevano fare richiesta all’Inps per ottenere il bonus da 600 euro previsto per aiutare chi è stato colpito dalla crisi dovuta al coronavirus, Rizzone in un post su Facebook aveva presentato la misura: “Incredibile: non è un pesce d’aprile“, aveva scritto. Per poi elencare i beneficiari della misura e spiegare qual era la procedura da seguire: “È velocissimo. In pochi semplici passaggi ti verrà chiesto di inserire numero di telefono, email e IBAN del conto su cui accreditare la somma”. Rizzone è stato tra i sostenitori dell’alleanza del M5s con il Partito democratico per le elezioni regionali in Liguria e negli ultimi mesi è stato tra i protagonisti della trattativa.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

M5s vota su Rousseau le nuove regole su mandato e alleanze, Di Maio si schiera: “2 sì. Perdere Raggi è suicida, mi fido dei territori”

next
Articolo Successivo

Politici col bonus da 600 euro, per ora guida la Lega: chiesto da nove consiglieri regionali e due deputati. Oggi Tridico parla alla Camera

next