Seduta di contrattazioni con il turbo per Tesla che è arrivata a guadagnare oltre il 12% ed è tornata a sopra i 1.500 dollari ad azione. Il gruppo di auto elettriche vale ora in borsa circa 290 miliardi di dollari, più di Toyota e Ford messe assieme. A spingere il titolo è stato soprattutto l’annuncio di una nuova ripartizione della azioni. In pratica il titolo verrà diviso per cinque. Chi possiede un’azione ne riceverà altre quattro del valore di un quinto. In questo modo il valore della singola azione scende a circa 300 dollari rendendosi così più appetibile anche per i piccoli e piccolissimi risparmiatori. Nell’ultimo anno il valore di borsa della società si è moltiplicato quasi per sette.

In generale seduta positiva per gli indici statunitensi ed europei (Milano +1,1%, Francoforte + 0,8%, Parigi + 0,8%, Londra + 2%, nonostante il crollo del Pil nel secondo trimestre dell’anno). Dopo il fallito tentativo di ieri. l’S&P500 ritenta l’assalto al record storico sopra i 3393 punti.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Successivo

Venti di deflazione in Europa, giù i prezzi in Germania, Italia e Spagna

next