“Vergogna, non si scherza con l’antifascismo” e “noi siamo una città civile”. E’ quanto ha gridato oggi il maestro Alberto Veronesi, direttore musicale del Festival Pucciniano di Torre del Lago di cui è stato presidente, e ora candidato col Pd alle regionali, prima che iniziasse il comizio tenuto da Matteo Salvini a Viareggio (Lucca) insieme alla candidata del centrodestra alla presidenza della Toscana Susanna Ceccardi. “Certo se il direttore di uno dei principali festival musicali è quello che viene come una matto qua a gridare la domenica mattina a gente che non la pensa come lui qua c’è da cambiare tante cose”, ha commentato poi Salvini dal palco.

“A Salvini piacerebbe che io fossi soltanto un povero matto – ha replicato poi Veronesi – No! Io sono soltanto il figlio di una donna che ha conosciuto l’orrore del lager di Bergen Belsen e che fin da ragazzo ha respirato una cultura antifascista”. Ha dichiarato dopo l’episodio che lo ha visto protagonista in piazza: “Mi sono avvicinato pacificamente al palco e, gandhianamente, ho loro ricordato che questa è terra di civiltà”. E aggiunge: “Non si strizza l’occhiolino ai fascisti e non si scherza sull’antifascismo come fanno il leader della Lega e la sua candidata alla presidenza della Toscana che, pochi giorni fa, aveva dichiarato il “non senso” a definirsi oggi antifascisti”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

SALVIMAIO

di Andrea Scanzi 12€ Acquista
Articolo Precedente

Lo stipendio da 12mila euro non basta: cinque deputati hanno preso il bonus 600 euro. “Tre leghisti, un M5s, un renziano”. Fico: “Li restituiscano”. Di Maio: “Escano allo scoperto e si dimettano”

next
Articolo Successivo

“Balordi che sputazzano e infettano”. Salvini ripete a ogni comizio le accuse razziste verso i migranti (per risalire nei sondaggi?)

next