Sei turisti francesi e due nigerini (guida e autista del gruppo) sono stati uccisi da uomini armati in Niger, in una riserva naturale nella zona di Kourè, a sud della capitale Niamey. Lo ha riferito il governatore di Tillaberi, Tidjani Ibrahim Katiella, all’Agence France Press. Gli aggressori, stando alle prime informazioni, avrebbero agito in sella a una motocicletta. La zona ospita alcuni tra i maggiori gruppi di giraffe dell’Africa occidentale.

“La maggior parte delle vittime è stata uccisa a colpi di arma da fuoco e una donna che è riuscita a scappare è stata catturata e sgozzata. Sul posto è stato trovato un caricatore svuotato delle cartucce”. Lo riferisce una fonte nigerina, spiegando la dinamica dell’attacco del commando. “L’assalto è avvenuto intorno alle 11:30 a 6 chilometri a est della città di Kouré“, che si trova a un’ora di macchina dalla capitale Niamey, ha aggiunto la fonte. “Non conosciamo l’identità degli aggressori ma sono entrati in moto attraverso la boscaglia e hanno aspettato l’arrivo dei turisti. Il veicolo preso in prestito dai francesi appartiene alla Ong Acted“.

Anche se il turismo è tollerato nella regione, la zona è classificata come rossa dal ministero degli Esteri di Parigi che ricorda come “la minaccia terroristica che pesa sul Niger, soprattutto fuori dalla capitale e in prossimità delle frontiere è elevata. Movimenti terroristici presenti nel Sahel, in Nigeria e nella zona lacustre (Boko Haram) potrebbero compiere operazioni in Niger”, si legge. Il ministero fa presente inoltre che azioni vengono compiute intorno alle frontiere del Niger, per esempio sequestri, attentati o attacchi. Eche la minaccia “persiste” nella regione, malgrado la “mobilitazione delle forze di sicurezza e di difesa dei paesi vicini per contrastarli”. La zona di Kouré, dove è avvenuto l’agguato di oggi, è classificata arancione: i viaggi nella zona sono sconsigliati a meno di ragioni imperative”.

Immagine di repertorio

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Bielorussia, la vittoria di Lukashenko finisce nel sangue: un manifestante ucciso, feriti, 3000 arresti. Lui: “Proteste dirette da Londra, Praga e Varsavia”. Opposizione in rivolta: “Brogli”

next