Con un calo del Pil del 18,5% solo negli ultimi tre mesi, la Spagna registra il calo maggiore dalla guerra civile e si attesta come peggiore economia nell’Eurozona. A pesare sul crollo del prodotto interno lordo è stata l’epidemia di coronavirus che nel Paese ha ripreso vigore costringendo il governo a nuove chiusure. Questo calo si aggiunge alla diminuzione del 5,2% dell’attività da gennaio a marzo e implica che durante la prima metà dell’anno le restrizioni imposte per cercare di contenere i contagi hanno volatilizzato quasi un quarto del Pil: la Spagna ha smesso di produrre per un valore di circa 300.000 milioni di euro.

Il confronto con i dati degli altri Paesi dell’Unione conferma che la Spagna, assieme all’Italia (-17,3%), è stata quella a fare maggiormente le spese del lockdown, anche a causa del fatto che la struttura dell’economia nazionale è stata molto sensibile alle restrizioni imposte da Covid-19. Basta considerare il peso che hanno il turismo e altri servizi basati sull’interazione umana sul Pil, cosa che ha fatto cadere l’economia spagnola in una situazione molto più vulnerabile in questo momento di crisi. Tra gli Stati membri per i quali sono disponibili i dati del secondo trimestre 2020, dopo la Spagna seguono Portogallo (-14,1%) e Francia (-13,8%). La Lituania (-5,1%) ha registrato invece il calo minore.

Tutto questo si inserisce in un contesto che vede il segno meno per tutta l’Eurozona: nel secondo trimestre del 2020, ancora caratterizzato da misure di contenimento legate a Covid-19 nella maggior parte degli Stati membri, il Pil destagionalizzato è sceso del 12,1% nell’area euro e dell’11,9% nell’Ue nel suo insieme, rispetto al trimestre precedente, secondo la stima flash pubblicata da Eurostat. Un nuovo calo record: non si registravano perdite così consistenti infatti dall’inizio delle serie storiche nel 1995. Nel primo trimestre 2020, il Pil era sceso del 3,6% nell’eurozona e del 3,2% nell’Ue-27 . Rispetto allo stesso trimestre dell’anno precedente, il Pil destagionalizzato è sceso del 15% nell’area euro e del 14,4% nell’Ue nel secondo trimestre 2020.

Memoriale Coronavirus

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Europa, ora basta compromessi a somma zero

next
Articolo Successivo

Mes, il viceministro degli Esteri greco: “Non vogliamo quel prestito, sappiamo che significa un memorandum. Basta troika”

next