Ultimamente WhatsApp sembra aver deciso di premere sull’acceleratore dello sviluppo, con tantissime novità che sono già state introdotte o sono ancora in fase di test ma arriveranno a breve. Tra queste il solito team di WABetaInfo, sito specializzato nell’analisi del codice delle versioni beta delle app più popolari, alla continua ricerca di anteprime sulle novità in arrivo, ha scoperto una funzione che farà piacere a molti: la possibilità di accedere a WhatsApp da un massimo di quattro diversi dispositivi contemporaneamente, utilizzando lo stesso account.

Si tratta di una funzione che il principale competitor, Telegram, offre già da tempo e che sulla piattaforma è mitigata soltanto parzialmente dalla presenza di WhatsApp Web, che consente di utilizzare il programma di instant messaging da computer desktop o da notebook, anche se è già attivo su smartphone. La novità riguarderà ovviamente tutte le piattaforme, quindi sia Android che iOS per quanto riguarda il settore mobile, che Windows e mac OS per quello desktop.

La funzione comunque al momento sembra essere nascosta anche nelle versioni beta, per cui è evidente che la fase di test sia ancora nei primi stadi, in cui cioè le nuove funzioni sono provate solo internamente e non sono rese disponibili anche ai beta tester. In ogni caso come sanno bene gli appassionati gli sviluppatori di WhatsApp non sono certo famosi per la velocità con cui le novità raggiungono la versione stabile.

Ci vorrà diverso tempo dunque prima che sia possibile utilizzare WhatsApp contemporaneamente da più dispositivi con lo stesso account, forse anche diversi mesi, ma l’importante è che finalmente sia stata intrapresa la strada che porta a quel risultato, tanto atteso da molti utenti.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Emotet, il malware che ruba gli allegati delle nostre email per ingannarci meglio

next
Articolo Successivo

Logitech K780, tastiera Bluetooth multi-dispositivo su Amazon con sconto del 28%

next