Szabolcs Dull, direttore del principale sito ungherese di notizie Index è stato licenziato dopo avere denunciato un mese fa che l’indipendenza del giornale era a rischio. La redazione ne ha chiesto la riassunzione all’editore László Bodolai – che lo ha licenziato di persona – ma lui ha rifiutato. A quel punto tre giornalisti del sito, Kata Janecskó, András Dezső e Bálint Szalai, hanno rassegnato le dimissioni. Il caso è diventato nazionale e il 24 luglio il partito di centro Momentum – il terzo del Paese per consensi – ha organizzato una manifestazione a Budapest a sostegno della liberà dei media in Ungheria, fortemente compromessa da quando il premier Viktor Orban è al potere. “La redazione di Index ha detto chiaramente cosa sta succedendo: interferenze, minacce, ricatti e pressioni. Non possiamo permetterlo”, ha scritto su facebook Momentum.

Viste le progressive infiltrazioni degli uomini di Orban nei media nazionali – dove altri siti, giornali, reti televisive e radio sono state da un giorno all’altro comprati da chi era vicino a Fidesz o direttamente chiusiIndex aveva istituito un paio di anni fa un barometro che indicava la libertà del sito. I guai dell’organo indipendente, uno dei pochi rimasti nel Paese, sono cominciati quando un imprenditore vicino al premier nazionalpopulista ha acquistato una partecipazione del 50% nelle società editrice. Nonostante questo, fino a qualche settimana fa la lancetta del barometro era sempre rimasta sul verde, poi si è spostata sul giallo, che significa “in pericolo”. Uno scatto avvenuto quando la proprietà, facendo leva anche sulla crisi Covid, aveva pensato a una riorganizzazione interna, con la creazione di contenuti esternalizzati e non più prodotti in redazione. La decisione aveva allarmato Dull: “Temiamo che con la proposta di riorganizzazione che ci è stata fatta – ha scritto il 21 giugno – perderemo quei valori che hanno reso Index.hu il sito di notizie più grande e più letto dell’Ungheria”.

Da lì, riferiscono i media ungheresi, la proprietà gli ha offerto una cospicua buonuscita per fare in modo che se ne andasse senza fare rumore. Ma lui si è rifiutato e la sua epurazione ha riacceso l’attenzione su un caso che era già arrivato anche a Bruxelles: lo scorso 7 luglio la vicepresidente della Commissione europea Věra Jourová aveva inviato una lettera al sito esprimendo solidarietà perché hanno “lavorato in condizioni molto difficili. La pressione economica – aveva scritto – non dovrebbe trasformarsi in pressione politica. Ho seguito con preoccupazione la situazione del sito. Quello che state facendo – aveva aggiunto – e i valori per cui combattete, libertà e pluralismo, sono essenziali per la democrazia“.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Recovery fund, il Parlamento europeo avverte il Consiglio: o si cambia o niente bilancio

next
Articolo Successivo

Ungheria, licenziato direttore sito anti-Orban: in 70 tra giornalisti e staff si dimettono. Proteste per la libertà di stampa

next