Il 10 luglio era risultato positivo al tampone per il coronavirus: ma anziché rispettare l’isolamento domiciliare, un 24enne di Badia (Bolzano) continuava ad andare al lavoro e a incontrare gli amici. Di più: il giorno successivo al risultato del test aveva partecipato a una festa di laurea, e in molti lo hanno visto in diversi locali, la sera, sempre senza mascherina. Anche i genitori – che non risultano positivi, ma che per via dello stretto contatto potrebbero essere stati contagiati a loro volta – continuavano a svolgere le loro normali attività, rispettivamente in falegnameria e in una struttura ricettiva della Val Badia. Dopo la segnalazione dell’azienda sanitaria, i tre sono stati denunciati a piede libero per aver violato l’obbligo di quarantena: sono stati segnalati alla Procura di Bolzano ipotizzando il reato di epidemia colposa.

Numerosi testimoni, interrogati dai carabinieri, hanno confermato che il ventiquattrenne, impiegato nel settore del turismo, continuava a frequentare persone senza preoccuparsi dell’obbligo dell’isolamento imposto dall’Azienda sanitaria (sia a lui che ai familiari) né del basilare rispetto delle misure di sicurezza, come mascherina e distanziamento. Tutti i contatti stretti del ragazzo sono stati collocati in quarantena: circa quaranta persone, tutte della val Badia.

Sostieni ilfattoquotidiano.it ABBIAMO DAVVERO BISOGNO
DEL TUO AIUTO.

Per noi gli unici padroni sono i lettori.
Ma chi ci segue deve contribuire perché noi, come tutti, non lavoriamo gratis. Diventa anche tu Sostenitore. CLICCA QUI
Grazie Peter Gomez

Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Coronavirus, i dati – 249 casi e 14 vittime nelle ultime 24 ore. Roma, il mercato dell’Esquilino chiuso: non rispettava le norme anti-Covid

next
Articolo Successivo

Tav, “fermarlo tocca a noi”. Attivisti tentano di abbattere i cancelli del cantiere: scontri con la polizia per oltre due ore. Le immagini

next