I docenti precari della scuola questa mattina si sono ritrovati in piazza Montecitorio in contemporanea a una manifestazione indetta dalla Lega. I sostenitori del Carroccio sono stati costretti a spostarsi davanti a Palazzo Chigi. I docenti, che chiedono contratti e stabilizzazione, si sono stesi a terra fingendosi morti (“la morte della scuola”). Matteo Salvini si è poi recato dai manifestanti, spaccando la piazza tra chi lo ha applaudito e chi lo ha contestato. Tra i cori degli insegnanti “precariato, crimine di Stato” e “Azzolina a casa domattina”, in riferimento alla nomina di Domenico Arcuri come commissario per la ripartenza della scuola.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Rientro a scuola, me li immagino così i miei primi gloriosi 45 minuti di lezione

next
Articolo Successivo

Rientro a scuola, un metro di distanza seduti al banco e mascherine quando si è in gruppo: il ministero risponde ai dubbi dei presidi

next