Gli sono bastati venticinque minuti per sgretolare le fragili certezze dell’Inter. Dal suo ingresso in campo il Bologna ha cambiato volto: prima, al 29esimo del secondo tempo, ha firmato il gol del momentaneo 1-1. Poi il suo connazionale Barrow ha fatto il resto, portando a casa la vittoria. Musa Juwara non credeva nemmeno di entrare in campo, a San Siro contro l’Inter. Dopo l’espulsione di Soriano però mister Mihajlovic non ha esitato: tempo di togliersi la pettorina e il 18enne del Gambia era già a sfrecciare sul prato verde. Grande velocità e un sinistro promettente, quello con cui ha riaperto la partita. “È il mio primo gol in A. Ringrazio il mister che mi ha fatto giocare contro l’Inter. Sto lavorando bene in allenamento, ma non pensavo sarei entrato. E’ un grande sogno, lo ricorderò per tutta la vita”, dice emozionato ai microfoni di Dazn dopo la partita.

La storia del Juwara calciatore comincia 4 anni fa. È uno dei 536 volti senza nome che sbarcano a Messina il 10 giugno 2016: arrivano a bordo della ong tedesca Fgs Frankfurt. Il giovane Juwara, all’epoca 14enne, è stato salvato da un barcone: ultima tappa di una fuga solitaria per scappare alla dittatura del Gambia. Minore non accompagnato, finisce in un centro di accoglienza in provincia di Potenza. Lì ad affezionarsi al ragazzo, prima che al futuro calciatore, è l’allenatore della Virtus Avigliano, Vitantonio Suma: diventa suo genitore affidatario insieme alla moglie e lo inserisce nella squadra. Lo manda a scuola e suoi campi da calcio.

Dove la nota il Chievo Verona: è la seconda svolta. Juwara veste la maglia gialloblù nel gennaio del 2018, dopo mille difficoltà burocratiche. Si fa notare anche nelle giovanili, il Torino sembra interessato ma poi resta a Verona dove esordisce anche in Serie A nel maggio 2019. Quando il Chievo retrocede Sabatini e Mihajlovic sono già pronti: arriva la chiamata del Bologna. Comincia in Primavera ma pian piano la sua presenza in prima squadra diventa costante, fino alla splendida rete a San Siro. Un primo passo, per uno che punta a diventare come Hazard e che Il Guardian ha inserito tra i più talentuosi della sua generazione. Intanto se lo gode il Bologna.

Il Fatto di Domani - Ogni sera il punto della giornata con le notizie più importanti pubblicate sul Fatto.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Lotito, tanto tuonò che perse: tre mesi di pressioni per far riprendere il campionato, 15 giorni per consegnarlo alla Juve

next
Articolo Successivo

Ronaldo come Sivori, i rigori subiti dalla Lazio e l’Atalanta nella storia della Serie A: le curiosità della 30esima giornata

next