Chiodi a tre punte sono stati disseminati da ignoti sull’asfalto della galleria Cels in valle di Susa. Problema: da quella galleria è passata la colonna di mezzi del Reparto Mobile della polizia di Stato diretta al cantiere della Tav di Chiomonte. Risultato? I chiodi hanno forato le gomme di alcuni automezzi, che si sono dovuti fermare. “Poteva finire in una vera e propria tragedia. Fortunatamente la fermezza degli autisti degli automezzi in colonna ha consentito di evitare il peggio per tutti”, fa sapere il Sindacato italiano unitario lavoratori Polizia.

È stato il Siulp a dare la notizia di quella che per il questore di Torino, Giuseppe De Matteis, è un “fatto grave”. “Sono in corso accertamenti della Digos per individuare i responsabili e assicurarli alla giustizia”, aggiunge il questore. Il sabotaggio ha scatenato pure alcuni esponenti politici. “Si tratta di un gesto di una gravità inaudita che poteva portare a conseguenze gravi per l’incolumità degli uomini e delle donne delle forze dell’ordine che presidiano il territorio. Mi auguro che i responsabili paghino per questa azione vergognosa”, dice per esempio l’assessore alla Sicurezza della Regione Piemonte, Fabrizio Ricca, esponente della Lega.

Osvaldo Napoli e Daniela Ruffino, parlamentari di Forza Italia, suggeriscono alla procura su cosa indagare: “Siamo in presenza di un tentativo di omicidio ed è su questa ipotesi di reato, ci auguriamo, che si indaghi”. Per la renziana Silvia Fregolent, invece, parla di “interventi eversivi” e di “un’operazione di sabotaggio verso la Polizia di Stato” che è “un gravissimo atto terroristico contro lo Stato”. Anche il segretario generale del Siulp di Torino, Eugenio Bravo, chiede il pugno duro: “agire nei confronti di questi malavitosi che, intrisi di ideologie violente e antistato, stanno elevando pericolosamente il livello dello scontro. L’unica risposta che uno Stato di diritto che salvaguarda la propria autorità e la propria volontà politica, non può che essere tolleranza zero”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Liguria, nuove code per cantieri di Autostrade. Vertice Mit-Aspi: ribadita fine lavori critici il 10 luglio. “Accelerare future ispezioni gallerie”

next
Articolo Successivo

Venezia, ora è la sabbia a mettere a rischio la prova generale del Mose: durante un test si bloccano (di nuovo) quattro paratoie

next