“I focolai scoppieranno e saranno anche più frequenti in ottobre e novembre”, così a Sky TG24 il virologo Andrea Crisanti, ordinario di microbiologia all’Università di Padova.”La cosa più importante è dare messaggi chiari agli italiani senza dire bugie. Bisogna dire che il rischio c’è, che non siamo in una bolla e e che i comportamenti di distanziamento sociale e l’uso delle mascherine non devono essere abbandonati”. La preoccupazione maggiore arriva dai “positivi importati” cioè persone infette che “rientrano in Italia senza poterle intercettare”.

Memoriale Coronavirus

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Venezia, ora è la sabbia a mettere a rischio la prova generale del Mose: durante un test si bloccano (di nuovo) quattro paratoie

next