Denunciate 86 persone, nell’intera provincia di Salerno, per indebita percezione del reddito di cittadinanza: tra loro anche un condannato per associazione di tipo mafioso e un detenuto. È il frutto dei controlli dei carabinieri del Comando provinciale di Salerno dai quali è emerso che, su un campione esaminato di oltre 2000 cittadini percettori del sussidio, 86 non ne avevano diritto. In particolare, attraverso l’esame incrociato dei dati documentali e delle informazioni acquisite nel corso di specifici servizi di controllo del territorio con quelli forniti dai comuni di residenza, sono state rilevate “numerose irregolarità nelle procedure di dichiarazione del possesso dei requisiti soggettivi ed econometrici”. Tra le principali anomalie, quelle riferite a soggetti: destinatari di misura cautelare personale; condannati con sentenza definitiva per reati per i quali è prevista la decadenza del reddito; detenuti e ricoverati in strutture a carico dello Stato; cittadini stranieri sprovvisti dei requisiti.

Numerose, fanno sapere i carabinieri, le false attestazioni che hanno riguardato difformità circa l’indicazione della reale residenza, ossia di persone che l’hanno indicata presso un comune diverso, al fine di omettere all’interno della prevista dichiarazione che i familiari percepivano altro reddito. Sono state riscontrate irregolarità anche nei confronti di 19 stranieri che hanno beneficiato del reddito, sebbene non residenti sul territorio nazionale da almeno dieci anni, gli ultimi due dei quali avrebbero dovuto essere continuativi. Gli esiti delle attività sono stati quindi segnalati all’Autorità giudiziaria competente e agli Uffici territoriali dell’Inps per l’interruzione dell’elargizione del sussidio e la ripetizione delle somme indebitamente percepite, che hanno prodotto un danno erariale di oltre 350mila euro.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Coronavirus, Crisanti: “Focolai in Veneto? Zaia dovrebbe prendersela con i tecnici più che con i cittadini. Troppi messaggi contraddittori”

next
Articolo Successivo

Pescara, individuato l’autore dell’aggressione omofoba: è un ragazzo di 21 anni, denunciato

next