Dopo la tappa sulla spiaggia della Feniglia a Orbetello, in Toscana, quella a Sanremo, in Liguria, e la lunga pausa imposta dalla pandemia, il Clean beach tour riprende e arriva in Friuli-Venezia Giulia per lanciare un doppio messaggio che ha al centro la tutela del mare e della biodiversità unendo musica e ambiente. Qui Piero Pelù e Legambiente, promotori dell’iniziativa, ieri mattina hanno liberato dai rifiuti il litorale friulano di Staranzano, in località Rivalunga, in provincia di Gorizia. A sostenere e aiutare il rocker e Legambiente anche cinquanta volontari che si sono rimboccati le maniche insieme all’amministrazione comunale di Staranzano, che ha patrocinato l’iniziativa, pensata per sensibilizzare le persone sul problema del marine litter e sul corretto smaltimento dei rifiuti. Durante la pulizia sono stati riempiti 40 sacchi di rifiuti tra bottiglie, buste di plastica, taniche, contenitori, insieme a dieci boe, diverse retine per la mitilicoltura, cassette e numerosi frammenti di polistirolo, uno pneumatico e tre new jersey in plastica. Rifiuti spiaggiati gettati consapevolmente, arrivati attraverso i fiumi o che provengono direttamente dagli scarichi non depurati, dall’abitudine di utilizzare i wc come una pattumiera e, soprattutto, dalla loro cattiva gestione. A farla da padrone anche in questo caso è ancora una volta la plastica (circa il 95% del totale dei rifiuti raccolti) con prodotti usa e getta che se dispersi nell’ambiente rappresentano uno dei principali nemici per il mare e la biodiversità. Foto simbolo di questa giornata quella con cinque boe e un new jersey in plastica ritrovate lungo il litorale. “Tutto ciò dimostra ancora una volta come la plastica e il marine litter rappresentano la seconda emergenza planetaria, dopo quella climatica, che deve essere affrontata al più presto con interventi concreti e segnali importanti”, sottolinea Legambiente. “Il litorale di Staranzano è un’area affascinante ma che è una sorta di zona di imbuto geografico del Mar Adriatico. Oggi durante il Clean beach tour – ha spiegato ieri Piero Pelù – insieme agli amici di Legambiente abbiamo trovato lungo questo tratto di costa tanta plastica, tra cui diverse boe, bottiglie, contenitori, e poi diverse microplastiche che poi finiscono nella catena alimentare. L’attività di pulizia sulla spiaggia che abbiamo fatto oggi, io la facevo da bambino con i miei genitori, invito tutti a fare lo stesso con i propri figli per trasmettere questo grande amore e rispetto per l’ambiente. È una pratica che tutti possono fare, è anche divertente e da tanta soddisfazioni. Proteggiamoci con i guanti e mascherine, usiamo un bel sacchetto e sottraiamo veleni all’ambiente pensando ai nostri figli e nipoti”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Asportare corallo in un’area protetta è un delitto contro l’ambiente. La Cassazione lo ha stabilito

next
Articolo Successivo

Rifiuti elettronici, uno sperpero di 57 miliardi annui con enormi danni per l’ambiente

next