Se un Paese accede al Mes per chiedere liquidità, nel caso delle linee di credito del Pandemic Crisis Support, deve inserire il dettaglio delle spese sanitarie nel suo reporting una volta ottenuti i fondi. È questo un requisito votato giovedì dalla commissione Econ del Parlamento Europeo (su un atto delegato proposto dalla Commissione Ue).

A votare a favore sono stati 40 componenti della commissione, mentre 16 sono stati i contrari e c’è stato un astenuto. Tra i voti contrari si registra quello dell’eurodeputato M5s Piernicola Pedicini, che si è espresso in maniera differente da Irene Tinagli, esponente Pd e presidente della Econ. La modifica, ad avviso del Movimento Cinque Stelle, non è quello che serve per rendere il Mes uno strumento privo di condizionalità e idoneo per contrastare la crisi economica.

Pedicini, votando contro, ha espresso infatti la posizione dell’intera delegazione dei Cinquestelle, si apprende da fonti vicine al Movimento. “Purtroppo il framework normativo europeo non è cambiato: restano nero su bianco il sistema di allerta rapido sancito dall’articolo 13 del Trattato del Mes e i controlli post-programma previsti dal secondo regolamento europeo del cosiddetto Two Pack”, aveva annunciato l’europarlamentare prima del voto di giovedì.

Il Movimento 5 Stelle, ha aggiunto Pedicini, “non ha cambiato posizione” e “ribadisce che il Mes è uno strumento inadeguato, la nostra contrarietà non è frutto di una banale impostazione ideologica ma di una analisi approfondita dei Trattati e dei regolamenti europei”.

Voto contrario è stato espresso anche dai leghisti Francesca Donato, Antonio Maria Rinaldi e Marco Zanni. Con i 40 voti a favore la commissione Econ del Parlamento Europeo ha deciso di non opporsi all’atto delegato, sul quale l’Aula ha potere di veto. La Econ ha quindi votato per non opporsi, non esercitando il veto, facendo così in modo che l’atto delegato passasse.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Ue, ‘frugali’ e sovranisti vogliono perdere altro tempo. Olanda: “Recovery? Non necessario accordarsi il 17”. Visegrad: “Noi i migliori contro il Covid, ma veniamo penalizzati. Chiederemo delle modifiche”

next
Articolo Successivo

Recovery fund, Conte a Lisbona per l’asse anti-frugali: “Ue reagisca o crisi può distruggere mercato unico”. Costa: “Nostra ambizione è chiudere accordo a luglio”

next